Bollino Blu Caldaia Obbligatorio: cos'è e quando va fatto

[fa icon="calendar"] 19 dicembre 2015 - 10:01 / da Mauro Braga

Mauro Braga

 

bollino-blu-caldaia-viess.png

Con l'arrivo della stagione fredda, è tempo di fare una valutazione accurata dell'impianto di riscaldamento per garantire efficienza e sicurezza.

Una considerazione indispensabile in vista non solo dell'inverno, ma sopratutto dell'entrata in vigore della normativa D.Lgs 311/06 che rende obbligatoria la revisione di ogni impianto termico con generatore a caldaia, che deve essere certificata con il rilascio del Bollino Blu.

Si tratta di una certificazione obbligatoria per tutti i tipi di caldaia, che attesta il corretto funzionamento in termini di efficienza e rendimento energetico, sicurezza e inquinamento.
Fanno parte delle analisi per ottenerlo anche i controlli sui fumi di scarico e l'eventuale emissione sostanze nocive o inquinanti, sulla pressione e sulle condizioni del bruciatore.

Un vero e proprio Check-up obbligatorio che certifica il corretto funzionamento del proprio impianto, per una maggiore tranquillità per i proprietari e il rispetto dell'ambiente.
Da non confondere con la manutenzione periodica ordinaria che ne verifica lo stato e previene eventuali guasti.

Chi deve fare il bollino blu caldaia?

Ogni proprietario di caldaia è tenuto per legge ad effettuare la revisione per ottenere il bollino blu da parte di un tecnico specializzato.
Questo riguarda anche affittuari e responsabili dell'impianto di riscaldamento condominiale. Naturalmente tutti i fruitori dell'impianto saranno chiamati a contribuire al costo di manutenzione/revisione. Cerca il professionista termoidraulico più vicino a casa tua per effettuare la revisione.

Ogni quanto va rinnovata la revisione?

Il Bollino Blu deve essere attestato alla prima accensione dell'impianto e va poi aggiornato a seconda del tipo e alla locazione dell'impianto, alla potenza nominale termica e agli anni di installazione:

  • Caldaia esterna o a camera stagna installata da meno di 8 anni, potenza inferiore a 35 kW: rinnovo ogni 4 anni
  • Caldaie con più 8 anni o se installate all’interno dell’abitazione in cui si vive: rinnovo ogni 2 anni
  • Impianti centralizzati dei condomini, caldaie non alimentate a gas, caldaie alimentate a combustibile solido o liquido come legna, pellet, gpl e il gasolio: revisione annuale

A chi rivolgersi?

Il Bollino Blu viene rilasciato da un tecnico specializzato (Centro Aassistenza Tecnica), al momento del montaggio dell'impianto o alla prima revisione.

Quanto costa?

Il costo può variare molto a seconda di incentivi e bonus stabiliti da Regione e Regione.
I costi standard si aggirano intorno ai 120-200€, considerando eventuali operazioni di manutenzione ordinaria. 

Si ricorda che sono previste multe di varia entità per i trasgressori che non adeguano il proprio impianto di riscaldamento alle norme vigenti, che variano a seconda dei regolamenti regionali.

Consiglio

Vuoi risparmiare sui tuoi consumi? Sapevi che sono previsti incentivi fiscali del 65% per la sostituzione per la sostituzione della tua vecchia caldaia?

Non lasciartele scappare! 

Check Up Energetico Gratuito

Categorie: Normative e Detrazioni

Mauro Braga

Scritto da Mauro Braga

Esperto in efficienza energetica, funzionamento di caldaie, cogeneratori, normative e incentivi statali. Dopo essersi diplomato come perito tecnico industriale a Torino, ha dedicato tutta la sua carriera lavorativa nel settore del risparmio energetico operando presso aziende produttive e di gestione del calore, particolarmente attento all’evoluzione delle fonti rinnovabili e al rispetto per l’ambiente.

Trova il tecnico più vicino
Trova il tecnico più vicino
Sei un installatore? Scopri il mondo viessmann

Iscriviti al nostro blog