Contabilizzazione calore condomini: rischio multe!

[fa icon="calendar"] 16 settembre 2016 - 12:45 / da Mauro Braga

Mauro Braga

 Contabilizzazione calore condomini: rischio multe!

Impianti centralizzati, ora si cambia marcia e servono degli adeguamenti. Dal 1 gennaio 2017 chi non ha un impianto a norma di legge rischia una multa salatissima. Ecco cosa succede.

Dal 2014 è entrato in vigore, con il Decreto Legislativo 102/2014, pubblicato su Gazzetta Ufficiale il 19 luglio 2014, l’obbligo di contabilizzazione del calore per chi vive in condomini con impianto centralizzato. Il termine ultimo per l’adeguamento è stato fissato al 31 dicembre 2016, oltre il quale scatteranno controlli ed, eventualmente, sanzioni salatissime (dai 500 a 2.500 euro) sia per l’inquilino che per l’intero condominio.

Contabilizzazione calore condomini: Cos'è?

Entro l’anno ogni condominio con impianto di riscaldamento centralizzato dovrà dotarsi di dispositivi per calcolare i consumi singoli degli appartamenti. Particolari dispositivi dovranno dare esattamente il quadro dei consumi di ogni unità immobiliare.

Questo risponde a esigenze legislative in campo ambientale, alla luce di quanto previsto dall’Unione Europea che ha fissato il cosiddetto “Obiettivo 2020”: miglioramento (entro il 2020) del 20% dell’efficienza energetica e innalzamento del 20% della quota di energia prodotta da fonti rinnovabili.

Come si fa?

L’adeguamento dell’impianto centralizzato del condominio alla contabilizzazione richiede l’installazione di appositi dispositivi e valvole termostatiche. È necessario ricorrere a un esperto, un tecnico installatore, per adeguare l’impianto e questo può comportare una spesa per le singole famiglie e per il condominio. Se poi quest'ultimo è molto grande (oltre 100 appartamenti) l’intervento da fare alla centrale termica sarà ancora più complesso e costoso.

Importanti vantaggi

Ci sono però importanti vantaggi da considerare: l’adeguamento dell'impianto è un intervento lungimirante perché porterà a un risparmio energetico notevole, anche dal punto di vista economico, per la famiglia.

Il tecnico installatore potrà fare un check up e consigliare tutti gli adeguamenti necessari a far ottenere un risparmio notevole nei consumi. A fronte di un investimento in direzione dell’efficientamento energetico, in pratica, si portrà contare su importanti riduzioni delle spese in bolletta.

La buona notizia: i costi non sono un problema

Se da un lato l’efficienza energetica è una priorità, dall’altro, ci sono chiaramente delle spese che bisogna affrontare per adeguare l’impianto o installarne uno nuovo. Tuttavia, ci sono delle opportunità di finanziamento specifiche per i condomini: nella pratica si potranno accollare tutte le spese per l’adeguamento dell’impianto centralizzato compresa la progettazione e il materiale per la riqualificazione dell'impianto stesso. Il costo sarà intestato al conto del condominio e non interferirà con le spese familiari.

Inoltre, c’è un’opportunità in più da cogliere: le detrazioni fiscali.

Il risparmio sui consumi, sommato alle detrazioni, renderanno vantaggioso l’investimento per l’adeguamento all’obbligo della contabilizzazione.

Per approfondire tutti gli aspetti legati alle nuove norme e alle caldaie di condominio, scarica gratis la tua copia della Guida alla Sostituzione della Caldaia, disponibile in versione pdf per computer, smartphone e tablet.

guida_sostituzione_caldaia

 

 

Categorie: Finanziamento Caldaia

Mauro Braga

Scritto da Mauro Braga

Esperto in efficienza energetica, funzionamento di caldaie, cogeneratori, normative e incentivi statali. Dopo essersi diplomato come perito tecnico industriale a Torino, ha dedicato tutta la sua carriera lavorativa nel settore del risparmio energetico operando presso aziende produttive e di gestione del calore, particolarmente attento all’evoluzione delle fonti rinnovabili e al rispetto per l’ambiente.

Trova il tecnico più vicino
Trova il tecnico più vicino
Sei un installatore? Scopri il mondo viessmann

Iscriviti al nostro blog