Produzione acqua calda sanitaria: i nostri consigli

[fa icon="calendar"] 30 aprile 2016 - 10:30 / da Mauro Braga

Mauro Braga

acqua-calda-san.png

Utilizziamo il termine acqua calda sanitaria (ACS) per indicare l'acqua calda prodotta negli edifici e nelle abitazioni per la pulizia e l’igiene personale, che si differenzia da quella utilizzata per alimentare l’impianto di riscaldamento.

Le aziende, negli ultimi anni, hanno iniziato a sviluppare nuovi sistemi per la produzione di acqua calda sanitaria in grado di ridurre l’impatto sull’ambiente. Proprio per questo motivo, oggi l'acqua calda sanitaria, che si utilizza per l'igiene personale, può essere prodotta con nuove tecnologie. Tra queste, in prima linea, troviamo i pannelli solari termici.

Cos’è Un Pannello Solare Termico?

Il pannello solare termico (o collettore solare) sfrutta l’energia gratuita del sole e la utilizza per produrre acqua calda sanitaria a una temperatura di 60°C. L’acqua calda prodotta viene accumulata in un apposito serbatoio (bollitore) e può essere utilizzata per le esigenze di casa (igiene in primis).

I pannelli solari termici sono in grado di garantire un significativo apporto energetico anche in condizioni di basso irraggiamento, o basse temperature esterne. 


Esistono principalmente 2 tipi di pannelli solari: quelli a tubi sottovuoto e quelli piani.


Pannelli Solari a Tubi Sottovuoto: hanno un ottimo rendimento tutti i mesi dell'anno e sono adatti ad essere installati anche nelle zone climatiche più fredde, quindi sono consigliati per tutto il territorio nazionale. Ogni pannello è costituito da tubi di vetro al cui interno si crea il vuoto (non c'è aria) per isolare il pannello stesso ed impedire che il calore venga disperso all'esterno. Dentro questi tubi si trova un fluido che si scalda per merito dei raggi solari e che cede il calore assorbito al bollitore, in modo da scaldare l'acqua.


Pannelli Solari Piani:
sono composti da una lastra di vetro trasparente, che capta la luce del sole, e da una superficie assorbente sottostante, che è in grado di assorbire e trattenere la maggior quantità possibile di raggi solari (quindi energia).  Al suo interno, in un tubo che si sviluppa a serpentina (meandro), circola il fluido destinato ad essere riscaldato dall'energia solare.


Per entrambe le versioni è possibile abbinare un serbatoio di accumulo vicino o interno all'abitazione soprattutto nei luoghi più freddi), sia per la produzione di ACS, sia come integrazione al riscaldamento.

 

Componenti e Funzionamento

Il sistema è realizzato tramite l’unione di vari elementi:

  • Il pannello solare vero e proprio, che cattura il calore del sole per cederlo al bollitore per scaldare l’acqua
  • Il bollitore di accumulo dell’acqua scaldata
  • Una pompa per la circolazione dell’acqua

Il bollitore di accumulo dell’acqua contiene al suo interno uno scambiatore di calore nel quale circola il liquido riscaldato del pannello. Questo, cedendo il calore ricevuto dal Sole, riscalda a sua volta l’acqua contenuta nel bollitore.

A questo punto, nel bollitore (che sarà coibentato per conservare meglio il calore) si trovano due circuiti idraulici separati: quello proveniente dal pannello, che conduce il liquido riscaldato dal Sole, e quello dell’acqua, collegato all’impianto sanitario di casa, che permette l’utilizzo dell’acqua calda per i servizi domestici.

 Schema_Funzionamento_Impianto_Solare_Termico.pptx_-_PowerPoint.png

 

Quanta acqua può scaldare un impianto solare termico?

In base alle esigenze della famiglia, alla capacità del bollitore, al numero e al tipo di pannelli installati, possiamo avere diverse soluzioni:

NUMERO COMPONENTI FAMIGLIA

PANNELLI - LITRI BOLLITORE

2 - 4

1 pannello piano – 190 lt

2 pannelli piani – 250 lt

4 - 5

2/3 pannelli piani – 300/500 lt

1 pannello sottovuoto - 300 lt

6 - 8 - 10

4 pannelli piani – 750 lt

2 pannelli sottovuoto - 750 lt

5 pannelli piani – 1000 lt


Per riscaldare il bollitore dell’acqua occorre circa mezza giornata di sole nel periodo estivo ed una giornata nel periodo invernale. La temperatura dell’acqua raggiungibile nelle giornate di pieno sole è di 60°C (o anche oltre se voluto).


Per calcolare le dimensioni del pannello solare da installare non si deve tener conto della superficie della casa, ma del numero dei membri della famiglia, quindi del prevedibile consumo di acqua calda della famiglia (pari a 30-50 litri/giorno a persona).

 

Quali sono i vantaggi?

  • Funzionamento volto al risparmio e soggetto a manutenzione minima
  • Nessun riscaldamento elettrico aggiuntivo necessario
  • Acqua calda a sufficienza per tutta la famiglia sfruttando l'energia solare
  • Alte prestazioni a un prezzo accessibile e conveniente
  • Componenti perfettamente integrati
  • Basso consumo di energia elettrica grazie alla pompa ad alta efficienza

 

Sei alla ricerca di un metodo per produrre ACS in modo efficiente e aiutando l’ambiente? I pannelli solari termici sono proprio l’ideale e ti permetteranno di risparmiare fino al 60% sulla bolletta. Vuoi saperne di più? Scarica ora la guida gratuita per scoprirne tutte le caratteristiche! Richiedi la tua copia in formato pdf per leggerla comodamente da pc, smartphone e tablet.

 

GUIDA Come risparmiare in casa riscaldamento efficiente

Categorie: Acqua Calda Sanitaria

Mauro Braga

Scritto da Mauro Braga

Esperto in efficienza energetica, funzionamento di caldaie, cogeneratori, normative e incentivi statali. Dopo essersi diplomato come perito tecnico industriale a Torino, ha dedicato tutta la sua carriera lavorativa nel settore del risparmio energetico operando presso aziende produttive e di gestione del calore, particolarmente attento all’evoluzione delle fonti rinnovabili e al rispetto per l’ambiente.

Trova il tecnico più vicino
Trova il tecnico più vicino
Sei un installatore? Scopri il mondo viessmann

Iscriviti al nostro blog