<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=422416484623666&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Cohousing Zero Pisa: Costruzione di Qualità e a Zero Emissioni

[fa icon="calendar"] 13 dicembre 2017 - 12:15 / da Alberto Zardini

Alberto Zardini

Cohousing Zero Pisa: Costruzione di Qualità e a Zero Emissioni

La questione abitativa è un tema molto sentito. Avere un luogo sicuro e accogliente in cui vivere è fondamentale, ma purtroppo per molti cittadini è ancora un bisogno insoddisfatto, soprattutto per chi deve far fronte a situazioni socio-economiche svantaggiose. Il social housing punta a porre rimedio a questa disuguaglianza abitativa, coniugando efficienza energetica e sostenibilità sociale.

Secondo il CECODHAS Housing Europe, l’housing sociale è l’insieme delle attività volte a fornire  «soluzioni abitative per quei nuclei familiari i cui bisogni non possono essere soddisfatti alle condizioni di mercato e per le quali esistono regole di assegnazione». 

Questa tipologia di intervento immobiliare e urbanistico, nota in Italia come Edilizia Residenziale Sociale, ha come obiettivo principale quello di garantire il benessere degli abitanti e la loro integrazione sociale attraverso la realizzazione di alloggi con ottimi standard di qualità, a canone calmierato.

Vantaggi dell’Edilizia Sociale 

  • Offre una soluzione immediata all’emergenza abitativa
  • Sostiene il mix sociale attraverso la formazione di comunità ricche ed equilibrate
  • È una possibilità concreta per migliorare l’integrazione sociale e la convivenza umana
  • Permette di sviluppare pratiche sostenibili dell’abitare
  • Contribuisce al risparmio energetico
  • Assicura costruzioni di alta qualità e ad alta efficienza energetica

Social Housing di successo: l’edificio Chzero di Pisa 

chero-Pisa_viessmann.jpg

Proprio questi ultimi due aspetti hanno permesso al progetto dell’edificio Chzero di Pisa di vincere il Concorso di Idee 2014 “La progettazione e la tecnica di qualità come opportunità economica” promosso da Viessmann. 

I giovani ingegneri e architetti (tutti under 35) dello studio ATIproject che hanno lavorato al progetto sono riusciti a realizzare (dopo soli 18 mesi tra ideazione, progettazione e costruzione) un edificio sicuro, efficiente e con una forte impronta green, che risponde perfettamente alle esigenze di risparmio energetico, comfort e sostenibilità.

L’immobile residenziale, realizzato secondo i canoni della bioedilizia e con un occhio all’architettura sostenibile, è in classe energetica A+ ed è composto da 12 appartamenti e da alcuni spazi destinati alle attività comuni.

referenza2-cohausing-pisazero_viessmann.jpg

referenza-cohausing-pisazero_viessmann.jpg

Per assicurare emissioni zero sono stati privilegiati materiali naturali, riciclabili e a ridotto impatto ambientale. La struttura portante in pannelli di legno lamellare incollati a strati incrociati, ad esempio, assicura ottimi risultati in termini di riduzione delle trasmittanze e garantisce un’elevata resistenza alle sollecitazioni.

In fase di progettazione è stata data grande importanza anche alla forma e all’orientamento, per massimizzare lo sfruttamento dell’illuminazione naturale negli ambienti interni e ridurre così il fabbisogno energetico. 

Per quanto riguarda l'impianto termico, è stata prevista la realizzazione di una centrale multienergia:

  • Pompa di calore aria acqua da 30 KW
  • Caldaia a condensazione da 35 kW
  • Pannelli solari termici
  • Pannelli solari fotovoltaici
  • Pannelli radianti a soffitto (per riscaldamento e raffrescamento)
  • Ventilazione meccanica controllata

La pompa di calore, integrata con una caldaia a condensazione a gas Vitodens 200-W, permette sia il riscaldamento che il raffrescamento dei 12 appartamenti. Il sistema di regolazione provvede ad attivare il sistema energeticamente più efficace sia in funzione della richiesta di calore, sia della disponibilità di fonti rinnovabili.

Anche l'impianto fotovoltaico, da 10 kW, è integrato nella logica di building automation che provvede a monitorare, istante per istante, la produzione di energia elettrica e comanda l'attivazione dei dispositivi cercando di massimizzare lo sfruttamento energetico.

La produzione di acqua calda sanitaria è assicurata da 7 pannelli solari termici piani Vitosol 200, abbinati a 2 accumuli Solarcell da 750 lt, integrati sia alla caldaia a condensazione che alla pompa di calore.

Per quanto riguarda il sistema di riscaldamento e raffrescamento a soffitto, la scelta permette di sfruttare al meglio la superficie ambientale perché non si risente dell'interferenza di tappeti o arredi vari.

L’edificio Chzero, in qualità di progetto di social housing a zero emissioni, offre: 

  • Struttura accogliente
  • Tecnologie all’avanguardia
  • Elevati standard abitativi
  • Prestazioni energetiche in classe A+ 

Anche con disponibilità economiche ridotte questo giovane gruppo di progettisti ha saputo creare un edificio alla portata di tutti con prestazioni energetiche e standard qualitativi al top della categoria. Perché non farlo anche tu? Scopri come ridurre le spese e migliorare il comfort di casa scaricando Guida gratuita qui sotto. Il risparmio è di casa!GUIDA Come risparmiare in casa riscaldamento efficiente

Categorie: Architettura Ecosostenibile

Alberto Zardini

Scritto da Alberto Zardini

Esperto in caldaie e cogeneratori. Ha sempre lavorato nel settore della climatizzazione, prima come tecnico, oggi come formatore dei professionisti termoidraulici presso l'Accademia Viessmann. Si occupa di trasmettere a tutti coloro che lavorano nel settore le competenze adatte ad installare e proporre gli impianti più adatti ad ogni persona e ogni edificio.