Come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri

[fa icon="calendar"] 01 giugno 2018 / da Alberto Zardini

Alberto Zardini

Come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri

Prima di installare un impianto di raffrescamento devi farti alcune domande, una su tutte: come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri? La potenza di un condizionatore inverter è direttamente proporzionale all’ambiente da raffrescare, cioè più grande è la stanza, maggiore sarà il valore Btu/h o Watt necessario. Il volume degli spazi, però, non è l’unico fattore da considerare, quando si deve acquistare un impianto di climatizzazione.

Per scegliere il condizionatore da installare in casa, oltre alle caratteristiche tecniche e alle funzioni da ricercare per beneficiare del massimo benessere, devi tener conto delle caratteristiche degli ambienti da raffrescare. Sottodimensionare o sovradimensionare l’impianto di climatizzazione sarebbe uno spreco, sia dal punto di vista energetico che da quello economico. Ma altrettanto inutile sarebbe non tener conto dell’isolamento della casa o dei carichi termici addizionali.

Qui trovi un approfondimento completo su tutto quello che c’è da sapere sui climatizzatori.

 

Come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri?

La potenza termica di raffreddamento di un condizionatore si può calcolare attraverso la formula:

P= K x L1 x L2 x h

P: potenza di raffrescamento

K: coefficiente standard pari a 25-30 W/mq (variabile in funzione della classe d'isolamento dell'abitazione)

L1: primo lato della stanza (in metri)

L2: secondo lato della stanza (in metri)

H: altezza della stanza (in metri)

Questo valore, espresso in Watt, è molto importante per individuare il climatizzatore in grado di soddisfare le tue esigenze energetiche e assicurarti la temperatura desiderata nelle zone in cui viene installato.

 

Ecco come calcolare la potenza necessaria per raffrescare la tua casa

Prendiamo il caso di una villetta.

Per raffrescare il reparto giorno con un condizionatore a parete dobbiamo applicare la formula esplicitata sopra. Ipotizziamo che lo spazio da rinfrescare sia di circa 120 mq, con un’altezza di 2,7 metri.

Ecco cosa otteniamo:

P = 25 x 120 x 2,7 = 8.100 Watt

Ora dobbiamo convertire questo dato in kW o, meglio ancora, in Btu/h, dove BTU (British Termal Unit) è l'unità di misura dell'energia utilizzata per calcolare la potenza di raffrescamento dei sistemi di climatizzazione.

Posto che:

1 Watt = 3,412 BTU/h

La potenza di raffrescamento del nostro climatizzatore, espressa in Btu/h, dovrà quindi essere di circa 28.000 Btu/h (8.100 x 3,412= 27,6 Btu/h). Questo significa, indicativamente, 3 Vitoclima 232-S da 9.000 Btu/h ciascuno, oppure un Vitoclima 232-S da 18.000 Btu/h e uno da 9.000 Btu/h.

 

E se vivo in condominio?

Ecco come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri del tuo appartamento.

Ipotizziamo tu voglia raffrescare la camera da letto, che misura 5x4 metri ed è alta 2,7 metri.

Applicando la formula per il calcolo della potenza, otteniamo:

P = 25 x 20 x 2,7 = 1.350 watt = 4.600 Btu/h

Questa, quindi, è la potenza media necessaria per poter godere di aria fresca durante i mesi estivi, senza ricevere bollette salate. Il calcolo dei Btu/h è fondamentale, per evitare di sovradimensionare l’impianto di climatizzazione e investire soldi in un condizionatore troppo performante per le tue esigenze.

Per facilitarti le cose puoi utilizzare la tabella che trovi qui sotto dove sono riportati, in maniera indicativa, i dati delle superfici da raffrescare e le relative potenze nominali (in kW e in Btu/h) necessarie.

caratteristiche dei migliori condizionatori

 

ATTENZIONE!

Tutti i condizionatori sono pompe di calore e permettono di riscaldare casa oltre che raffrescarla, semplicemente invertendone il ciclo di funzionamento. Nel caso di riscaldamento, il calcolo della potenza è leggermente diverso. Il valore da utilizzare per il coefficiente K  è 35-40 W/mq (variabile in funzione della classe d'isolamento dell'abitazione).

Quindi se vuoi utilizzare il condizionatore anche d’inverno, la potenza media necessaria (espressa in Btu/h) dovrà essere più alta.

Se hai dubbi sul tipo di condizionatore da installare in casa, leggi anche questo articolo.

Consigli utili per un accurato dimensionamento dell’impianto di climatizzazione

Il volume degli ambienti da raffrescare è solo uno degli aspetti che devi considerare per calcolare la giusta potenza refrigerante di cui hai bisogno. Ecco quali altri fattori influenzano il calcolo dei Btu/h o Watt, facendo variare il coefficiente K:

  • Il carico termico interno addizionale, dato dal numero di elettrodomestici presenti nella stanza. Frigorifero, televisione, computer sono tutti apparecchi che, quando sono in funzione, emanano calore quindi contribuiscono ad alzare la temperatura degli ambienti;
  • Il numero di persone che soggiornano in quello spazio e il tempo che vi trascorrono. La richiesta di Btu/h è direttamente proporzionale alla presenza o meno di persone nella stanza, per più ore al giorno. Un ambiente molto frequentato, come la cucina o il soggiorno, necessita di un condizionatore di potenza elevata rispetto a quello da installare in una stanza in cui si trascorre meno tempo, come il bagno o il corridoio;
  • L'esposizione delle stanze rispetto al sole. Più l’ambiente sarà esposto a sud più grande, in termini di potenza, sarà il climatizzatore di cui avrai bisogno;
  • Il numero e la qualità di porte e finestre presenti nell'ambiente da raffrescare;
  • L’isolamento termico dell’edificio. Se è presente un cappotto o degli infissi a taglio termico sarà più facile raffrescare l’ambiente evitando dispersioni di calore.

Per sapere come individuare il condizionatore più adatto per la tua abitazione scarica la guida gratuita con approfondimenti su caratteristiche, informazioni e modelli.

Scarica Guida Clima PDF

Categorie: Condizionatori e Climatizzatori

Alberto Zardini

Scritto da Alberto Zardini

Esperto in caldaie e cogeneratori. Ha sempre lavorato nel settore della climatizzazione, prima come tecnico, oggi come formatore dei professionisti termoidraulici presso l'Accademia Viessmann. Si occupa di trasmettere a tutti coloro che lavorano nel settore le competenze adatte ad installare e proporre gli impianti più adatti ad ogni persona e ogni edificio.