4 aprile 2020  |  a cura di Andrea Pavan  |  condividi con

Aria pura in casa: addio polveri sottili con il climatizzatore

4 aprile 2020
Climatizzatori e Condizionatori

Il nuovo climatizzatore Vitoclima 300-Style di Viessmann trattiene il particolato fino al livello del PM2,5 grazie a un sistema di microfiltrazione estremamente efficace.

Acquistando un climatizzatore, generalmente si controllano con particolare attenzione le caratteristiche dell’apparecchio relativamente alla principale tra le sue funzioni, ossia il raffrescamento, oppure la classe energetica, ma non ci si sofferma con la necessaria attenzione su altri aspetti molto importanti.

> scopri come raffrescare casa con qualità ed efficienza

Tra questi c’è una funzione che sta diventando fondamentale, quasi critica, per la nostra salute: è la capacità di purificare l’aria.

Trascorriamo in media l’80% del nostro tempo al chiuso e l’aria che respiriamo all’interno degli ambienti - sembra incredibile - è circa cinque volte più inquinata di quella esterna.
I responsabili di questa minaccia, troppo spesso sottovalutata, sono agenti chimici, fisici e biologici di varia natura, molti dei quali causati dalla permanenza umana negli ambienti e dalle sostanze nocive presenti all’interno e altri, invece, provenienti dall’inquinamento esterno, soprattutto dalle polveri sottili costituite dal particolato atmosferico (PM10 e le sue componenti più piccole come il PM2,5).
Il ministero sella Salute mette periodicamente in allarme su questo tipo di inquinamento, presente soprattutto nei contesti urbani e industrializzati, e stabilisce in generale che la qualità dell’aria indoor è responsabile di molte malattie croniche, oltre che di possibile disagio sensoriale, cefalea e astenia.

Tra le tante qualità allo stato dell’arte, il nuovo Vitoclima 300-Style di Viessmann, un climatizzatore di “stile” anche nell’aspetto esteriore, ne possiede una che si occupa di risolvere proprio questo problema: l’aria diffusa, infatti, è di altissima qualità. Il nuovo modello della gamma residenziale Viessmann è un monosplit, composto quindi da una unità interna oltre a quella esterna dove è alloggiato il compressore, ed è una pompa di calore reversibile, ossia in grado sia di raffrescare che di riscaldare locali di dimensioni fino a 50-60 mq di superficie, grazie alle tre versioni con potenze da 9.000 e 18.000 Btu/h. Oltre alla massima efficienza energetica (è una classe A+++), alle funzionalità smart particolarmente evolute (per esempio, un sensore di movimento rileva le presenze e modula automaticamente la potenza della macchina), nel Vitoclima sono integrati componenti che consentono di microfiltrare l’aria con un’altissima efficacia.

Vitoclima_300Style_people_343x285

Vediamo come. Vitoclima 300-Style analizza la qualità dell’aria che transita al suo interno grazie a un sensore che misura la quantità di microparticelle presenti; se il PM2,5 supera un determinato livello di guardia il sistema si attiva automaticamente posizionando nella parte superiore dello split, dove l’aria entra, uno speciale filtro dotato di oltre 61.000 fori e spesso circa tre centimetri, che ionizza le impurità e, mediante l’attraversamento di un campo magnetico, le cattura.
Per assicurarsi che l’azione purificante mantenga la sua efficacia basta effettuare una pulizia periodica, estraendo il filtro, lavandolo con acqua e poi reinserendolo comodamente nel suo alloggio. Ricordiamo che tra le polveri sottili che circolano nell’atmosfera il PM2,5 (chiamato spesso particolato fine) è quello più insidioso, perché capace di penetrare fino ai nostri polmoni. Si tratta di particelle di diametro inferiore o uguale ai 2,5 µm (un milionesimo di metro, cioè un millesimo di millimetro) che vengono generate dai processi di combustione, come quelli dei motori di auto e motoveicoli, degli impianti per la produzione di energia, del riscaldamento a legna e di molti processi industriali.

Vitoclima_300Style_343x285

A completamento delle sue funzioni “salutistiche”, Vitoclima 300-Style integra anche una importante funzione di self-clean attivabile manualmente, che si occupa di sanificare in modo automatico l’evaporatore dell’unità interna scongiurando la formazione di muffe e batteri e prevenendo quindi i cattivi odori.
Il processo avviene grazie a un particolare ciclo di brinamento che determina la formazione di un sottile strato di ghiaccio attorno alla batteria alettata dell’unità; lo sbrinamento repentino libera acqua che trattiene in sé impurità, polveri e batteri, e che viene smaltita attraverso lo scarico condensa.

New call-to-action

Lascia un commento

E' stato interessante?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nuovi articoli