6 novembre 2020  |  a cura di Alberto Zardini  |  condividi con

Caldaia con accumulo o caldaia istantanea? I pro e contro

6 novembre 2020
Caldaie a Condensazione, Acqua Calda Sanitaria

La scelta tra una caldaia istantanea o dotata di serbatoio di accumulo va fatta considerando attentamente il fabbisogno di acqua calda sanitaria, oltre che lo spazio a disposizione per l’installazione. Ecco cosa c’è da sapere.

AGGIORNAMENTO 6 NOVEMBRE 2020

Quando si deve scegliere una nuova caldaia per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria bisogna considerare una serie di caratteristiche tecniche in funzione delle proprie necessità. Partiamo da una premessa: qui parliamo esclusivamente di caldaie a condensazione, l’unica tipologia di caldaia che i produttori possono immettere in commercio dal 26 settembre 2015.

Per chi fosse interessato a cambiare la vecchia caldaia, scegliendo nel catalogo Viessmann c’è la possibilità di fruire dello sconto immediato in fattura sfruttando il Bonus Ristrutturazioni (50% di sconto) oppure l’Ecobonus (sconto del 65% se la caldaia è abbinata a sistemi di termoregolazione evoluti, oppure del 50%).

Oltre alla potenza del sistema in kW, per la produzione di acqua calda sanitaria c’è un ulteriore aspetto importante da considerare: cosa scegliere tra caldaia istantanea e caldaia con accumulo?
Si tratta di due prodotti differenti utilizzati per rendere disponibile l’acqua riscaldata per usi sanitari (bagno, doccia, rubinetti, ecc.). Entrambe presentano vantaggi e svantaggi e non c’è un’unica soluzione valida per tutte le situazioni.

In questo piccolo vademecum cerchiamo di orientare nel modo corretto la vostra scelta, ricordando che gli aspetti fondamentali da considerare sono due:

  • tempi di erogazione dell’acqua calda;
  • quantità di acqua calda disponibile.

Le caratteristiche di una caldaia istantanea

Una caldaia a condensazione istantanea si attiva esattamente nel momento in cui viene fatto un prelievo d’acqua tramite l’apertura del rubinetto nella posizione “acqua calda” e si spegne quando si chiude il rubinetto. I tempi per il riscaldamento sono di 10/15 secondi, a seconda della temperatura impostata e di quella dell’acqua in ingresso. Il vantaggio di una caldaia istantanea è l’ingombro contenuto.

Per chi è indicata:

  • appartamenti o abitazioni di piccole o medie dimensioni o, comunque, con poco spazio per l’alloggiamento dell’apparecchio: una caldaia istantanea, di fatto, rappresenta un ottimo compromesso tra prestazioni e ingombri;
  • piccoli nuclei familiari, per esempio composti da single o da coppie con un solo bagno e una richiesta modesta di acqua calda: i consumi probabilmente non sono tali da giustificare il sovrapprezzo di un sistema di accumulo.

Per chi non è indicata:

  • quando è frequente (o indispensabile) l'utilizzo simultaneo da parte di più utenze, poiché la caldaia potrebbe non essere in grado di supportare la portata di acqua calda richiesta. Se un’abitazione dispone di due bagni, utilizzare più docce contemporaneamente mantenendo il comfort ideale è difficile;
  • quando la temperatura dell’acqua fredda in ingresso è particolarmente bassa, soprattutto nel periodo invernale.

Le caratteristiche di una caldaia con accumulo

Una caldaia a condensazione con accumulo è dotata di un serbatoio, chiamato anche bollitore (interno o esterno alla caldaia) in cui viene immagazzinata l’acqua calda. Nel momento in cui si apre un rubinetto, l’acqua proviene dall’accumulo e la caldaia non entra necessariamente in funzione. Quando la temperatura del serbatoio scende sotto un certo livello, la caldaia si accende per scaldare di nuovo l’acqua presente al suo interno. È come disporre di una riserva di acqua calda sempre pronta e disponibile senza tempi di attesa. È importante valutare il volume del bollitore; nel caso di caldaia murale (ossia installata su parete) con accumulo integrato, generalmente la capacità è sotto i 60 litri e se si necessita di un volume maggiore bisogna ricorrere a un accumulo esterno; in alternativa si può optare per a una caldaia a condensazione compatta a basamento dotata di bollitore più grande (100-200 litri). Le caldaie con accumulo forniscono un elevato comfort in termini di velocità e capacità di erogare grandi quantità di acqua calda, oltre che di temperatura costante.

Per chi è indicata:

  • abitazioni di dimensioni medio-grandi con più bagni e abitate da nuclei familiari anche numerosi e, quindi, con necessità elevate di acqua calda sanitaria;
  • abitazioni non necessariamente di grandi dimensioni ma con frequenti picchi di richiesta ed elevate esigenze di comfort.

Per chi non è indicata:

  • una caldaia con bollitore occupa più spazio e ha un peso maggiore; per questo motivo la sua collocazione è più difficoltosa, in alcuni casi non compatibile con l’installazione a muro, e può essere necessario disporre di un locale dedicato.
Check Up Energetico Gratuito

Lascia un commento

E' stato interessante?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nuovi articoli