Come Funziona il Raffrescamento a Pavimento

[fa icon="calendar"] 15 settembre 2017 - 12:15 / da Mauro Braga

Mauro Braga

Come Funziona il Raffrescamento a Pavimento

Se stai ristrutturando casa o devi predisporre un nuovo impianto magari a pompa di calore, hai mai pensato di realizzare un impianto a pavimento o pannelli radianti non solo per scaldarti ma anche per la climatizzazione estiva? Il raffrescamento a pavimento è una valida alternativa ai condizionatori, sia in ambito residenziale sia per l’installazione in uffici e attività commerciali. Scopriamo insieme come funziona.

Gli impianti a pannelli radianti sono ormai affermati nel mercato dei prodotti per riscaldamento, in quanto dotati di numerosi vantaggi:

  • Regalano elevati livelli di comfort
  • Sono “invisibili” e silenziosi, poiché il calore proviene da sotto il pavimento o dal soffitto
  • Garantiscono risparmi di energia rispetto a sistemi più tradizionali, come gli impianti a radiatori, in quanto lavorano con temperature dell’acqua più basse

Negli ultimi anni gli impianti a pavimento si stanno però affermando anche nel campo del raffrescamento degli ambienti, rappresentando una valida alternativa ai climatizzatori o ai sistemi di climatizzazione ad aria; facendo scorrere nelle serpentine acqua refrigerata alla temperatura di 15-18°C è possibile assicurare agli ambienti un ambiente fresco e confortevole.

In questo modo, con il medesimo impianto a pavimento, è possibile effettuare sia il riscaldamento che il raffrescamento degli ambienti, inoltre utilizzando una pompa di calore Viessmann quale il modello Vitocal 222-S è possibile scaldare, raffrescare gli ambienti e produrre acqua calda sanitaria mediante una sola macchina.

Funzionamento dei Pavimenti Radianti per Raffrescamento

Come funziona il raffrescamento a pavimento.png

Il raffrescamento a pavimento funziona per irraggiamento, sfruttando il principio fisico secondo cui un corpo caldo cede sempre calore a un corpo freddo. L’effetto di raffrescamento radiante permette di assorbire il calore presente nelle stanze quando la temperatura dell’ambiente supera la temperatura superficiale del pavimento. 

Lo scambio termico persona/ambiente circostante viene così regolato in maniera ottimale, per garantire una sensazione di benessere.

E' importante sottolineare che stiamo parlando di sistemi con un'elevata inerzia, quindi adeguati quando nell'abitazione c'è un fabbisogno costante e omogeneo nel tempo. Nel caso, infatti, tu abbia la necessità di riscaldare o raffrescare gli ambienti di casa in modo rapido, ti invito a contattare un Partner Viessmann vicino a casa tua per valutare insieme una soluzione più adeguata.

Quando si valuta questa tipologia di impianto per la propria abitazione non vanno dimenticati alcuni utili consigli per il buon funzionamento.

Primo tra tutti è che l'impianto a pavimento può fare raffrescamento solo se è nato per fare anche il freddoCi sono, infatti, alcuni componenti (es. collettori) che possono essere in materiali quali l'ottone, che, a contatto con l'acqua fredda, potrebbero generare condensa; in altre parole, avresti il rischio della presenza di umidità nell'abitazione.

Per evitare queste problematiche gli impianti idonei sono previsti di componenti tali da essere isolati sia per il caldo sia per il freddo.

Vediamo ora quali sono i componenti che servono nello specifico per raffrescare gli ambienti con pannelli radianti:

  • Pannelli radianti, che puoi posare a pavimento, a soffitto o a parete
  • Collettori in materiale polimerico (in resina e non metallici) o in ottone/inox isolato per basse temperature
  • Sistema di termoregolazione, per adattare il funzionamento dell’impianto alle reali condizioni dell’ambiente
  • Sistema di deumidificazione dell’aria, per eliminare l’umidità ed evitare la formazione di condensa sulle superfici fredde 

In caso di impianti di nuova realizzazione è possibile aggiungere anche un’unità di trattamento aria con recuperatore di calore e batterie integrative. Questi apparecchi, oltre a deumidificare, garantiscono un rinnovo dell’aria e offrono un’integrazione al raffrescamento dell’ambiente, permettendo di avere una piacevole sensazione di fresco in pochi minuti.

Raffrescamento a Pavimento: Tutti i Vantaggi 

Un impianto di raffrescamento a pavimento presenta, quindi, numerosi vantaggi: 

  • E' invisibile e a basso consumo
  • Ha un ingombro zero perché viene integrato nella struttura
  • E' assolutamente silenzioso
  • Permette la distribuzione omogenea della temperatura
  • Garantisce aria salubre e un elevato grado di benessere
  • Non c'è la movimentazione di polveri in ambiente

Per questo, sempre più spesso, i pannelli radianti vengono preferiti ai climatizzatori ad aria per raffrescare gli ambienti e assicurare temperature gradevoli durante le stagioni più calde. 

Poter disporre di un unico impianto per la climatizzazione invernale ed estiva ha ripercussioni positive anche dal punto di vista dell’ingombro e della spesa. Se stai ristrutturando casa prendi in considerazione l’installazione di questa tecnologia: i pannelli Vitoset di Viessmann possono essere posati sul pavimento esistente, senza onerosi lavori di smantellamento.

Nella nostra Guida Gratuita alle Ristrutturazioni puoi trovare spunti interessanti per intervenire al meglio nella riqualificazione degli impianti. Scarica ora il PDF e consultalo quando vuoi, da smartphone, tablet e PC.Guida Gratuita Come Ristrutturare Casa

Categorie: Raffrescamento a Pavimento

Mauro Braga

Scritto da Mauro Braga

Esperto in efficienza energetica, funzionamento di caldaie, cogeneratori, normative e incentivi statali. Dopo essersi diplomato come perito tecnico industriale a Torino, ha dedicato tutta la sua carriera lavorativa nel settore del risparmio energetico operando presso aziende produttive e di gestione del calore, particolarmente attento all’evoluzione delle fonti rinnovabili e al rispetto per l’ambiente.

Trova il tecnico più vicino
Trova il tecnico più vicino
Sei un installatore? Scopri il mondo viessmann

Iscriviti al nostro blog