Come riscaldare casa in modo economico in 5 semplici mosse

L'impianto di riscaldamento è uno dei principali responsabili del consumo energetico domestico. Assicurare alla tua famiglia una casa calda e confortevole durante i mesi autunnali e invernali può quindi rivelarsi molto costoso, soprattutto se non usi saggiamente la tua energia. Anche se hai installato il sistema di riscaldamento più efficiente, la quantità di energia utilizzata dipende da diversi fattori, molti dei quali è possibile controllare. Continua a leggere per scoprire come riscaldare casa in modo economico e ridurre le emissioni di anidride carbonica in 5 semplici mosse.

1. Scegli la giusta temperatura per le stanze

Il soggiorno, la cucina, i bagni e le camere hanno scopi diversi e le temperature interne vanno impostate di conseguenza. Diversificare la temperatura nelle varie stanze ti permette di ottimizzare l'efficienza dell'impianto di riscaldamento e, allo stesso tempo, migliorare il comfort percepito, assicurando alla tua famiglia ambienti sani e confortevoli durante il giorno e la notte. 

La temperatura ottimale per il soggiorno, la stanza dove si trascorre la maggior parte del tempo, è di 20℃. Impostando il termostato su questo valore potrai contenere i costi del riscaldamento, senza compromettere il comfort. Anche in bagno e nelle camere dei bambini mantieni questa temperatura, per assicurare ambienti sempre accoglienti.

In cucina, invece, la situazione è diversa. In questa stanza sono presenti fonti di calore come il forno e il piano cottura che, quando sono in funzione, contribuiscono ad alzare la temperatura generale. Ciò significa che è possibile abbassare il riscaldamento di alcuni gradi, senza percepire alcuna differenza evidente. In cucina puoi quindi impostare il termostato sui 18-19 ℃ e lo stesso puoi fare in camera da letto, dove è consigliato avere una temperatura leggermente più fresca per migliorare la qualità del sonno.

Come riscaldare casa in modo economico? La prima mossa è quindi fare attenzione alla temperatura. A volte è sufficiente impostarla su valori più bassi, per assicurarsi un risparmio significativo. Una riduzione di solo 1℃ può comportare una riduzione dei costi della bolletta dell'energia del 5-7%.

In alcuni casi, se la stanza non viene utilizzata per molte ore al giorno o si tratta di una zona che non ti interessa riscaldare, puoi anche spegnere l'impianto. Se hai i radiatori è più facile, perché puoi disattivare quelli che non servono. Se, invece, hai il pavimento radiante fai più attenzione perché questa scelta potrebbe rivelarsi controproducente. L'elevata inerzia termica di questo tipo di impianto richiederebbe troppo tempo e troppa energia per tornare a regime, una volta riacceso. Se usi i pannelli radianti leggi questo articolo in cui ti spieghiamo qual è la temperatura corretta da impostare.

2. Assicurati la giusta ventilazione

Quante volte ti hanno detto che la ventilazione è importante e che le stanze vanno arieggiate tutti i giorni? Queste affermazioni sono corrette, tuttavia devi considerare che aprendo le finestre fai uscire gran parte del calore dalla stanza, rendendo vano il lavoro dell'impianto di riscaldamento. Anche se hai spento i radiatori, lasciare le finestre aperte per più di una decina di minuti al giorno può causare un notevole aumento nel consumo di energia. Questo perché l'aria fresca che entra nell'ambiente abbassa la temperatura interna e l'impianto è costretto a lavorare molto più duramente per ripristinare la temperatura desiderata quando lo riaccendi, consumando molta più energia del necessario. 

Il nostro consiglio è di limitare il tempo in cui le finestre rimangono aperte per cambiare l'aria: considera un massimo di dieci minuti al giorno nelle tipiche giornate autunnali e primaverili e da quattro a sei minuti durante l'inverno, quando le temperature esterne sono molto più basse.

Oltre ad assicurarti bollette energetiche contenute, la giusta ventilazione contribuisce a migliorare la qualità dell'aria in casa, prevenendo la formazione di muffa. Se ci pensi, però, aprendo le finestre fai entrare anche molto smog: come rimediare? Hai mai sentito parlare della ventilazione meccanica controllata? È un sistema che permette di arieggiare le stanze senza inutili dispersioni di calore. Leggi qui come funziona.

3. Tieni i termosifoni liberi

Grandi mobili come divani e letti spesso sono posizionati troppo vicino ai termosifoni. Ciò può essere dovuto a limiti di spazio o semplicemente alla disposizione della stanza. Tuttavia, per funzionare in modo efficace e assicurarti una temperatura ambiente uniforme, i radiatori richiedono la libera circolazione dell'aria. Idealmente, dovresti assicurarti che ci sia sempre uno spazio di almeno 20 cm o più tra il termosifone e gli arredi.

Inoltre controlla che anche le tende non siano da ostacolo. I festoni che pendono dal soffitto e coprono, anche solo parzialmente, i radiatori, riducono notevolmente l'efficienza dell'impianto di riscaldamento e ti fanno spendere più del necessario.

4. Mantieni i radiatori puliti

Lo sapevi che un accumulo di polvere sui radiatori causa un effetto isolante che potrebbe costarti un extra sulle bollette? In genere tendiamo pulire gli oggetti più in vista come tappeti, televisori, armadi e tavoli. Difficilmente spolveriamo i radiatori, soprattutto dopo che sono rimasti inutilizzati per molti mesi durante l'estate. Se vuoi davvero risparmiare sui costi del riscaldamento inizia a pulire regolarmente i termosifoni con un panno umido: noterai subito un notevole miglioramento della loro efficienza.

A seconda del tipo di radiatori che hai in casa, sul mercato trovi spazzole progettate appositamente per raggiungere anche le aree più difficili. Oltre a rendere il tuo sistema di riscaldamento più economico, i radiatori puliti ti aiuteranno anche a mantenere un ambiente più sano, in particolare per chi soffre di allergie.

5. Fai revisionare regolarmente la caldaia

Uno dei modi migliori per garantire che il tuo impianto di riscaldamento funzioni costantemente alla massima efficienza è far controllare periodicamente la tua caldaia da un professionista. Oltre ad essere un requisito fondamentale per assicurarti la validità della garanzia e un fattore indispensabile per la sicurezza della tua famiglia, la regolare manutenzione del generatore può aiutare a garantirti bassi costi di gestione.

Durante il suo intervento, il tecnico pulirà tutti i componenti, sostituirà i pezzi usurati e ti consiglierà le impostazioni ottimali per la tua casa. Tutto ciò ti aiuterà a mantenere il sistema di riscaldamento il più efficiente ed economico possibile, con conseguenti risparmi visibili fin da subito sulle bollette energetiche

Contatta subito l'installatore Partner per l'Efficienza Energetica Viessmann più vicino a te.

Mentre aspetti, puoi scaricare la Guida gratuita qui sotto e scoprire quali sono le nuove tecnologie disponibili sul mercato, per rendere la tua casa ancora più efficiente dal punto di vista energetico. 

New Call-to-action

Scritto da: Alberto Zardini

Alberto Zardini

Esperto in caldaie e cogeneratori. Ha sempre lavorato nel settore della climatizzazione, prima come tecnico, oggi come formatore dei professionisti termoidraulici presso l'Accademia Viessmann. Si occupa di trasmettere a tutti coloro che lavorano nel settore le competenze adatte ad installare e proporre gli impianti più adatti ad ogni persona e ogni edificio.

Potrebbe interessarti anche

Temperatura acqua calda sanitaria: a quanto impostarla?

Temperatura acqua calda sanitaria: a quanto impostarla?

Leggi l'articolo

Come Regolare al Meglio il Proprio Impianto a Pavimento

Leggi l'articolo
Pro e Contro del Riscaldamento con Pompa di Calore

Pro e Contro del Riscaldamento con Pompa di Calore

Leggi l'articolo

Sostituzione caldaia: le 6 verità nascoste, da chi?

Leggi l'articolo