19 luglio 2021  |  a cura di Massimiliano Ferrarese  |  condividi con

Reset della caldaia: come fare, passo per passo

19 luglio 2021
Assistenza Caldaie, Caldaie a Condensazione

Quando una caldaia va in blocco, è possibile ripristinarla effettuando il reset. Vi spieghiamo come non entrare nel panico seguendo le procedure o rivolgendosi al Centro di Assistenza.

AGGIORNAMENTO 19 LUGLIO 2021

Le moderne caldaie a condensazione sono molto affidabili, ma ci sono alcuni casi in cui vanno in blocco e hanno bisogno di essere riavviate manualmente. Se, ad esempio, c'è una circostanza esterna che ne impedisce un funzionamento sicuro, il generatore può spegnersi automaticamente e per riattivarlo è necessario eseguire il cosiddetto “reset della caldaia”. In questo articolo vi spieghiamo come comportarvi per ripristinare il riscaldamento e l'acqua calda nella vostra abitazione.

Quando bisogna fare il reset caldaia?

Le caldaie di ultima generazione sono costruite secondo rigidi criteri di sicurezza; ciò fa sì che il generatore si spenga nel caso il sistema rilevi una anomalia. È quello che comunemente

chiamiamo "blocco della caldaia" e che può essere causato da diversi eventi. Ad esempio:

  • pressione dell'acqua all'interno della caldaia troppo alta o troppo bassa;
  • sistema di alimentazione del combustibile interrotto o bruciatore bloccato; si può se manca il gas semplicemente provando ad accendere il fornello o controllando il contatore.
  • temperature di funzionamento che non rientrano nei corretti parametri.

Quando si verificano queste situazioni è sufficiente effettuare un reset manuale della caldaia. Se l’apparecchio è abbastanza recente, quando entra in blocco si può capire facilmente di che problema si tratta, perché sul display del generatore viene visualizzato il codice di errore corrispondente al guasto. Per sapere cosa significa quel numero, basta consultare il manuale fornito dal produttore. Può capitare che non si riesca a trovare sul manuale il codice di errore riportato sul display (perché magari nel frattempo è stato aggiornato il software di regolazione) ed è allora necessario contattare l’assistenza.

Come effettuare il reset di una caldaia

  1. Prima di ripristinare la caldaia, è necessario risolvere il problema che ha causato il blocco, altrimenti si rischia di dover continuare ad effettuare il reset, causando possibili danni al generatore. Il primo passo, quindi, è controllare quale codice di errore viene visualizzato: a seconda della natura del problema, è possibile agire in autonomia. Ad esempio, se l'arresto è dovuto alla pressione dell’acqua troppo bassa basta ripristinare la corretta pressione aprendo il rubinetto di ingresso fino a quando il manometro non visualizza il valore corretto (circa 1,5 bar). Oppure, se manca il gas, bisogna verificarne il motivo e ripristinare la fornitura.
  2. Una volta risolto il problema che ha causato il blocco, è possibile eseguire il reset della caldaia. Il procedimento di ripristino generalmente non è complesso, ma non è uguale per tutte le caldaie, ed è quindi necessario fare riferimento al manuale dell’apparecchio e seguire le istruzioni riportate.

  3. A questo punto la caldaia dovrebbe accendersi. La maggior parte delle caldaie moderne passa attraverso una sequenza di ripristino automatica, che può richiedere diversi minuti. Se la caldaia non si riaccende dopo vari tentativi, è necessario contattare un tecnico per identificare il problema.

Come resettare una caldaia Viessmann

Tutte le caldaie a condensazione Viessmann visualizzano un codice di errore sul display quando vanno in blocco. Consultando il manuale fornito dall’installatore insieme all’apparecchio è possibile capire di quale inconveniente si tratta e adottare le misure appropriate.  
Anche nel caso delle caldaie Viessmnn, però, gli step da seguire per ripristinare una caldaia non sono gli stessi in tutti i casi e dipendono dal modello. Ad esempio, potrebbe essere necessario ruotare una manopola o premere una combinazione di pulsanti. 

Sapere come ripristinare la caldaia quando è entrata in blocco, senza “entrare nel panico”, è fondamentale per non rimanere al freddo. Spesso, come abbiamo visto, è possibile risolvere il problema in autonomia. Tuttavia, se non si capisce cosa ha causato il blocco o non si riesce ad eseguire le procedure di ripristino, è meglio non insistere: è sempre importante non effettuare da soli manovre difficili o potenzialmente pericolose. Se non si riesce a risolvere il problema, inoltre, potrebbe essersi verificato un vero e proprio guasto. Potrebbe trattarsi di una pompa rotta, di una perdita idraulica nell’impianto, di un problema elettrico o dello scambiatore di calore intasato. In queste situazioni l’unica cosa da fare è rivolgersi al più presto al Centro di Assistenza Tecnica più vicino.
Se la caldaia è vecchia e va spesso in blocco, può essere arrivato il momento di sostituire la caldaia rivolgendosi all’installatore di fiducia. Sembra una soluzione drastica, ma a volte è la scelta più conveniente. Riparare più volte una vecchia caldaia potrebbe rivelarsi uno spreco di denaro. Con un modello all’avanguardia e più efficiente si può contare sulla massima affidabilità, oltre che su un notevole risparmio in bolletta. Ricorda, inoltre, che la manutenzione regolare della caldaia è fondamentale per assicurare un corretto funzionamento e prestazioni ottimali.

Lo sapevi che con una caldaia a condensazione di ultima generazione puoi risparmiare fino al 30% sui consumi di combustibile e, allo stesso tempo, fare bene all'ambiente? Per conoscere il funzionamento e i vantaggi di questo generatore scarica la Guida che trovi qui sotto.

New call-to-action
 

Lascia un commento

E' stato interessante?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nuovi articoli