Caso di Studio: Spese Riscaldamento Condominio Ridotte

Un dato che deve far riflettere è che, in molti condomini italiani con impianto centralizzato, circa il 50% delle spese imputabili al riscaldamento sono per consumi sprecati. Questo a causa del fatto che il "condominio italiano", tipicamente, è un edificio datato e con impianti energivori e inefficienti. Occorre, dunque, porre in essere interventi mirati, che partano dall'individuazione dello stato di "salute energetico" dell'edificio esistente e arrivino al conseguimento dell'obiettivo primario: abbattere i consumi energetici e le emissioni inquinanti!

Partiamo da un caso concreto, una palazzina di Milano, che dimostra concretamente come sia possibile fare bene grazie a un intervento completo di efficientamento energetico.

Riscaldamento Centralizzato: Caso Studio

Il condominio è composto da 48 appartamenti disposti su 7 piani, per un totale di 3.760 m² di superficie riscaldata (10.875 m³ di volume), e si trova in zona climatica E.

Fino al termine della stagione 2010/2011 i consumi di gas metano per riscaldamento erano elevati: 56.815 m³/anno, pari a 42.952 €/anno.

Ripartendo questa spesa tra le diverse unità immobiliari in funzione dei millesimali di riscaldamento (quindi in base a dimensione/volume dell'unità immobiliare), si evidenziava:

  • Una spesa minima (unità immobiliare situata al piano terra) di: 646,95 €/anno
  • Una spesa massima (unità immobiliare situata all'ultimo piano) di: 1.041,16 €/anno 

Un differenziale di spesa di circa il 60%.

Primo Intervento

Per ridurre le spese e adeguarsi alla normativa, nel 2011 l’assemblea condominiale delibera la messa in opera di alcuni interventi migliorativi:

  • Installazione di valvole termostatiche per i 263 radiatori
  • Installazione di ripartitori di calore in tutti gli appartamenti
  • Nuovo metodo di ripartizione delle spese per il riscaldamento (30% in base ai millesimali e 70% in base ai consumi rilevati dai ripartitori)

I condòmini, in questo modo, hanno potuto poi beneficiare della detrazione del 50% per i lavori di ristrutturazione edilizia e dimezzare la spesa complessiva sostenuta!

Al termine dei primi due anni, si è ottenuta una riduzione del consumo energetico del 5%, quindi un risparmio pressoché nullo:

- PRIMA: 56.815 m³/anno di metano e 42.952 €/anno

- DOPO: 53.974 m³/anno di metano e 40.804 €/anno

In aggiunta, il differenziale di spesa a carico dei vari condòmini tra minimo (piano terra) e massimo (7° piano) è addirittura balzato al 328%.

La soluzione al problema

Nella Primavera 2013 il condominio decide di intervenire nuovamente in quanto la situazione non poteva continuare e richiede una diagnosi energetica preventiva per valutare la situazione e trovare le soluzioni specifiche migliori per risolvere le problematiche.

Attraverso l’analisi di un tecnico esperto, vengono individuate le carenze e i punti deboli del sistema edificio.

riscaldamento centralizzato.png

Grazie all'accurato lavoro preliminare di diagnosi energetica, nel condominio con impianto di riscaldamento centralizzato è stato possibile ottenere, già dal primo anno: 

  • -37% di consumi annui di metano e di CO2 (27.059,76 € vs 42.952,18 € del 2010/2011)
  • Ri-equilibratura tra la ripartizione delle spese

Grazie agli incentivi fiscali per gli interventi di efficientamento energetico, è stato possibile ai condòmini efficientare il loro condominio a costo zero.

Efficientare a costo zero

I condomini hanno anche sottoscritto un documento, Contratto di Rendimento Energetico (EPC), che ha permesso loro di accedere al Finanziamento Tramite Terzi, che ha anticipato le somme di denaro dovute per i lavori.

Il FTT ha coperto il 100% dei costi, in funzione del risparmio certificato nell'EPC e della detrazione fiscale per gli interventi di efficientamento energetico (detrazione del 65%) spettante. 

L’efficientamento energetico del condominio ha risolto lo squilibrio della situazione venutasi a creare, garantendo a tutti un maggior comfort e non facendo pagare un solo euro in più di quanto già speso prima di intervenire sul condominio. 

Il condominio di Milano non è un caso isolato: in Italia ci sono altri 740.000 condomini con riscaldamento centralizzato nella stessa situazione, quindi ancora da riqualificare (fonte: Il Sole 24 Ore).  

Se anche tu abiti in uno di questi edifici e sei stanco di pagare bollette salate, buttando letteralmente in fumo metà dei soldi che versi ogni mese per le spese riscaldamento condominio, è arrivato il momento di intervenire. 

Richiedi anche tu una consulenza gratuita! E' semplice e veloce, così sarà facile prendere le corrette decisioni che influiranno sulle spese condominiali, il valore dell'immobile e il comfort nella tua abitazione!

Check Up Energetico Gratuito

Scritto da: Mauro Braga

Mauro Braga

Esperto in efficienza energetica, funzionamento di caldaie, cogeneratori, normative e incentivi statali. Dopo essersi diplomato come perito tecnico industriale a Torino, ha dedicato tutta la sua carriera lavorativa nel settore del risparmio energetico operando presso aziende produttive e di gestione del calore, particolarmente attento all’evoluzione delle fonti rinnovabili e al rispetto per l’ambiente.

Potrebbe interessarti anche

Temperatura acqua calda sanitaria: a quanto impostarla?

Temperatura acqua calda sanitaria: a quanto impostarla?

Leggi l'articolo
Pro e Contro del Riscaldamento con Pompa di Calore

Pro e Contro del Riscaldamento con Pompa di Calore

Leggi l'articolo
Come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri

Come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri

Leggi l'articolo

Sostituzione caldaia: le 6 verità nascoste, da chi?

Leggi l'articolo