5 novembre 2022  |  a cura di Alberto Villa  |  condividi con

Temperatura ambiente ottimale: come ottenerla

Una piccola guida per impostare correttamente la temperatura ambiente ottimale nei diversi locali della casa. Per stare meglio ed evitare sprechi.

Esiste una temperatura ambiente ottimale? Dipende, perché in realtà ogni persona ha un proprio gradimento circa la temperatura alla quale si sente meglio, ha cioè una propria temperatura “giusta”. Inoltre, a seconda della funzione del locale, da quanto tempo trascorriamo al suo interno o dell’attività che stiamo facendo, la temperatura che garantisce il comfort può cambiare. È comunque possibile definire un range all’interno del quale la maggior parte delle persone di sente a proprio agio nel sostare in ambienti chiusi indossando abiti adeguati, che possiamo quindi chiamare il range di “temperatura ambiente ottimale”: è attorno ai 20°C, in un intervallo compreso tra i 19 e i 23°C.

Viessmann-termoregolazione-ambiente-Vitotrol-300E

Indice

  1. I diversi significati di temperatura ambiente
  2. I fattori che influenzano la temperatura ambiente ottimale
  3. A ogni stanza la sua temperatura
  4. La temperatura ambiente ottimale per dormire
  5. Come impostare la temperatura ambiente ottimale

I diversi significati di temperatura ambiente

Partiamo da una premessa che riguarda la definizione stessa di temperatura ambiente. In realtà con questa espressione ci si può riferire a cose diverse: la temperatura dell’aria misurata da un termometro in un determinato luogo e un determinato momento; oppure un valore “convenzionale”, per indicare le condizioni tipiche della temperatura sulla terra, che può, quindi, variare molto a seconda del luogo dove ci troviamo. In ogni caso, anche se il significato può variare a seconda del contesto, possiamo affermare che la temperatura ambiente non è mai troppo alta o troppo bassa.

guida-efficienza-energetica-casaQui ci concentriamo sulla spiegazione di quale è la temperatura ambiente ottimale per la permanenza delle persone negli spazi chiusi domestici e come si può ottenere. Attenzione, questi sono consigli di carattere generale, ma non dobbiamo dimenticare che se normalmente per legge dobbiamo impostare 20°C, quest’inverno dovremo rinunciare a una piccola parte del nostro comfort perché il termostato non dovrà superare i 19°Canche se grazie ai due gradi di tolleranza potremo averne in casa fino a 21°C.

Accensione riscaldamento: una settimana più tardi e 1°C in meno. > Leggi il nostro approfondimento

In realtà, come vedremo, è possibile rientrare in questi limiti senza penalizzare troppo il nostro comfort in molte situazioni. Nei momenti in cui percepiremo un po’ di “fresco”, non ci resterà che indossare un maglione in più.

Mantenere una corretta temperatura in casa, evitando caldo eccessivo in inverno o troppo fresco in estate, non solo consente di tenere sotto controllo i consumi e di risparmiare in bolletta. > Leggi il nostro approfondimento

I fattori che influenzano la temperatura ambiente ottimale

Come dicevamo prima, non esiste un valore univoco di temperatura ambiente ottimale, perché ci sono diversi elementi da considerare. Ad esempio:
  • tempo di permanenza nel locale;
  • quante persone sono presenti;
  • tipologia di presone presenti (ad es bambini o anziani);
  • attività che si stanno facendo;
  • aspetti strutturali della casa: se l’edificio è poco isolato e la zona giorno è ampia, tenderà a raffreddarsi più rapidamente e sarà probabilmente necessario impostare una temperatura al termostato più alta;
  • Posizione del termostato: se il termostato è in una posizione errata (ad esempio esposto ai raggi solari) durante il giorno potrebbe rilevare una temperatura sempre superiore a quella impostata anche se nella zona “abitabile” della stanza c’è qualche grado in meno.
Come-regolare-la-temperatura-ambiente-termostato-Vitotrol-300E
In funzione di tutti questi fattori, la temperatura di comfort corretta varia anche di qualche grado.

A ogni stanza la sua temperatura

In linea generale, possiamo mantenere una temperatura più fresca nelle stanze meno utilizzate rispetto a quelle dove sostiamo spesso e a lungo, con l’eccezione del bagno. pompacalore-acquacalda

Dopo una doccia, infatti, è molto più piacevole trovarsi in una stanza calda, orientativamente attorno ai 22-23°C. Per la zona giorno dove si passano molte ore, la temperatura ambiente ideale si aggira attorno ai 21-22 gradi. Se in casa ci sono neonati oppure bambini piccoli, le loro stanze dovrebbero avere una temperatura più alta, attorno ai 23-24°C, mentre per i ragazzi un po’ più grandi è possibile impostare la normale temperatura ambiente del soggiorno. Un locale che senz’altro può stare al fresco è il corridoio, dove sono sufficienti 15°C, così come la tromba delle scale. Si tratta infatti di ambienti di passaggio dove non ci si ferma mai.
E ora un consiglio: per mantenere la temperatura ambiente ideale nelle varie parti della casa è opportuno chiudere le porte delle stanze, per evitare inutili dispersioni di calore.
New call-to-action

La temperatura ambiente ottimale per dormire

Il buon sonno ha le sue necessità e tra queste c’è la temperatura, che deve essere piuttosto bassa, ma non troppo. Se fa caldo, l'aria può diventare troppo secca e disidratare le nostre mucose, mentre il freddo può causare tensioni muscolari. Fermo restando che, soprattutto per il sonno, ognuno dovrebbe verificare qual è la temperatura ambiente per lui ottimale, il range è normalmente compreso tra 16 e 19 gradi e non dovrebbe si dovrebbe mai scendere sotto i 14, per prevenire la formazione di muffe. A questo proposito, ricordiamo che è importante ventilare la stanza al mattino e alla sera per far uscire l’umidità in eccesso. Non dimentichiamo che se la camera da letto viene utilizzata non solo per dormire ma anche per altre attività durante il giorno (come lavorare), la temperatura ambiente dovrebbe essere adeguata di conseguenza, se possibile, con l’impostazione del set point su due livelli (giorno e notte).
 
Cute little kid sleeping

Come impostare la temperatura ambiente ottimale

La regolazione personalizzata del comfort per i singoli ambienti, se l’impianto non è comandato da diversi termostati per le zone della casa, viene effettuata direttamente sui termosifoni tramite le valvole termostatiche (o a comando termostatico) regolabili con precisione.
 
Valvole-termostatiche-per-termosifoni-Viessmann
Si tratta di dispositivi che contengono al loro interno un liquido sensibile alla temperatura: all’aumento di temperatura il volume del liquido aumenta e va a spostare l’otturatore in posizione di chiusura chiudendo o limitando il passaggio dell’acqua calda nel calorifero. Se la temperatura ambiente è inferiore a quella impostata si verifica il processo contrario e l’otturatore apre la valvola. Essendo dotate di un elemento sensibile queste valvole vanno installate sempre libere da ingombri (ad esempio non in nicchie!)
In alternativa alle valvole con comando termostatico si possono prevedere le valvole con comando manuale. Questi dispositivi sono dotati di una scala graduata, generalmente da 1 a 5, che si riferisce a differenti temperature impostate: 12°C per il livello 1, 16°C per il 2, 20°C per il 3, 25°C per il 4 fino ai 28°C del livello 5. Se nell’ambiente si desiderano circa 20°C, per esempio, bisogna regolare la valvola sulla posizione 3, mentre in camera da letto potrà bastare la posizione 2: una volta raggiunta la temperatura, la valvola regola di conseguenza il flusso dell’acqua nel termosifone interrompendolo.

New call-to-actionNel primo caso (valvole con comando termostatico) la regolazione è più efficiente perché essendo gestita in automatico permette di ridurre l’apporto di calore in caso di apporti gratuiti: se ad esempio durante un pomeriggio invernale c’è un sufficiente apporto solare all’interno della stanza la valvola chiude perché la temperatura è soddisfatta. Nel secondo caso (valvola a comando manuale) questo non succede perché la valvola non è dotata di alcun elemento sensibile e quindi la temperatura supererà quella impostata.

Nel complesso, si può affermare che la temperatura ambiente ottimale è estremamente importante per garantire il comfort, tutelare la salute e, infine, per favorire il risparmio energetico evitando sprechi per i locali che possono essere più freschi. Grazie ai sistemi di regolazione digitali intelligenti che consentono il controllo anche da remoto (come l’app ViCare di Viessmann) e grazie alle valvole termostatiche, è possibile controllare e modificare le impostazioni in qualsiasi momento ottenendo importanti risultati.

New call-to-action

Lascia un commento

È stato interessante?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nuovi articoli