Pompa di calore + riscaldamento a pavimento + solare = bolletta 0

Pompa di calore e impianto di riscaldamento a pavimento sono un’accoppiata vincente se vuoi raggiungere il massimo comfort domestico e risparmiare sulle bollette. Inoltre, per abbattere ancora di più i costi energetici fino quasi ad azzerarli, un'ulteriore integrazione è rappresentata dall'installazione di un impianto solare, soprattutto fotovoltaico, così da sfruttare l'energia elettrica autoprodotta. Scopri come sfruttare al meglio queste tecnologie per dotare la tua abitazione di un sistema di climatizzazione invernale ed estiva davvero efficiente.

Un sistema di riscaldamento a pavimento è costituito da tubazioni in materiale plastico, annegate nello strato cementizio del pavimento. Nel caso di ristrutturazione può essere installato anche sopra quello esistente se non vuoi smantellare casa. L'acqua calda che circola in questi tubi è il fluido termovettore, in pratica fa in modo che tutta la superficie del pavimento diventi un grande corpo radiante, riscaldando così le varie stanze grazie all'effetto di irraggiamento. Ciò assicura un calore uniforme, che si distribuisce dal basso verso l’alto aumentando il grado di benessere.

L’effetto radiante del riscaldamento a pavimento agisce direttamente sulla pelle assicurandoti una piacevole sensazione di benessere, anche se hai impostato il termostato a una temperatura inferiore al solito, grazie a una distribuzione ottimale della temperatura in altezza, evitando che il calore stratifichi sul soffitto come avviene negli impianti tradizionali. Questo ne fa un impianto ideale anche in ambienti con altezze elevate, grazie alla vicinanza del sistema al corpo umano. Lo scambio termico per irraggiamento è lo stesso meccanismo con cui il Sole trasmette calore alla Terra, facilmente sperimentabile. Ciò consente di godere di un comfort elevando, risparmiando energia e riducendo sensibilmente i costi del riscaldamento.

Grazie alle grandi superfici di scambio distribuite su tutta l'abitazione, il pavimento radiante funziona con una piccola differenza di temperatura tra l'ambiente e l'acqua che circola nelle tubazioni, tipicamente a 35°C per il riscaldamento degli ambienti, garantendo una distribuzione ottimale del calore, quindi migliorando la sensazione di calore percepita e riducendo le spese. Inoltre, questo "impianto invisibile" permette la massima libertà di arredamento eliminando vincoli funzionali ed estetici dei sistemi di riscaldamento tradizionali.

Pompa di calore + riscaldamento a pavimento = Risparmio Energetico ed Economico

Il riscaldamento a bassa temperatura consente un funzionamento a risparmio energetico dei generatori collegati all'impianto. L’acqua calda che circola nei tubi ha una temperatura compresa tra i 30 e i 40°C, tipicamente 35°C. Un impianto tradizionale richiede temperature del fluido termovettore generalmente superiori ai 50-60°C, a volte addirittura 80°C!

Lavorando con temperature più basse rispetto a radiatori o ventilconvettori, il pavimento radiante permette un risparmio energetico, perché diminuiscono le dispersioni di calore, e rende più semplice lo sfruttamento di energia da fonti rinnovabili: per questo motivo è ideale l'abbinamento con una pompa di calore, che permette di raggiungere efficienze decisamente più elevate lavorando in bassa temperatura.

Se in casa hai un generatore obsoleto, che consuma molta energia, forse è il caso di pensare alla sua sostituzione. E se hai già il pavimento radiante o stai valutando la possibilità di installarlo, vale la pena prendere in considerazione una pompa di calore.

La pompa di calore è un apparecchio ecologico e conveniente: da solo permette di sfruttare il calore presente naturalmente nell’aria, nell’acqua o nel sottosuolo. In alcuni casi, come ad esempio un’abitazione con pavimento radiante, può rappresentare la soluzione migliore per dare un taglio alle bollette.

La pompa di calore trasferisce calore da una sorgente rinnovabile e gratuita, aria esterna nel caso di pompa di calore aria/acqua, all'acqua dell'impianto di riscaldamento. Per compiere questo lavoro consuma energia elettrica, con una efficienza che varia al variare delle temperature di lavoro. Leggi qui i pro e contro di questo sistema di riscaldamento. In pratica, il suo consumo sarà più basso se lavora con un impianto a bassa temperatura, più elevato se lavora con temperature più elevate. Ecco perché è ideale l'abbinamento con il pavimento radiante, che permette le migliori efficienze della pompa di calore e il massimo risparmio energetico. Più energia gratuita e rinnovabile, meno energia elettrica consumata, quindi un sistema ecologico oltre che conveniente.

La pompa di calore, però, non è per tutti. Leggi qui pro e contro di questo sistema di riscaldamento.

E se ci aggiungi anche i pannelli solari azzeri la bolletta! 

Il Sole è una fonte inesauribile di energia pulita, rinnovabile e gratuita.

Grazie a un impianto fotovoltaico è possibile sfruttare questa energia per la produzione di energia elettrica. Chiaramente risulta ideale l'abbinamento con la pompa di calore, che per funzionare ha bisogno di energia elettrica: quando la pompa di calore lavora con l'energia elettrica prodotta dal fotovoltaico, il suo funzionamento sarà 100% rinnovabile e gratuito! Risultato: riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria a costo zero!
Chiaramente la produzione elettrica da fotovoltaico non è sempre disponibile, per questo motivo le migliori pompe di calore, come Vitocal 200-S, hanno la possibilità di una interfaccia con il fotovoltaico, che permette di modificare i parametri di funzionamento della pompa di calore per sfruttare l'energia autoprodotta dai pannelli posati sul tetto, con un ulteriore risparmio sulla bolletta dell'energia elettrica. Inoltre, abbinando ai pannelli solari un accumulo fotovoltaico, puoi immagazzinare l’energia prodotta ma non immediatamente utilizzata, per avere sempre a disposizione una scorta di elettricità. In questo modo puoi arrivare ad una indipendenza energetica quasi al 100%! Puoi leggere in questo articolo quando risulta conveniente un impianto fotovoltaico.

E il solare termico? Può essere un buon abbinamento alla pompa di calore con pavimento radiante?

Anzitutto chiariamo le differenze tra impianto solare termico e solare fotovoltaico. Si tratta sempre di pannelli installati sul tetto, spesso esteticamente molto simili, e permettono di sfruttare l'energia solare. Mentre il solare fotovoltaico produce energia elettrica, il solare termico permette di riscaldare l’acqua calda.
Il solare termico ha tantissimi vantaggi e un unico svantaggio: funziona solo quando c'è il sole, quindi va sempre abbinato ad un generatore. Quando si parla di fabbisogni termici, il solare termico è la soluzione più efficiente in assoluto: energia completamente pulita e gratuita.
Il solare termico può risultare un ottimo abbinamento alla pompa di calore, in particolare per la produzione di acqua calda sanitaria, che è un fabbisogno ad alta temperatura, particolarmente difficile per la pompa di calore. A maggior ragione quando la pompa di calore reversibile viene impiegata durante l'estate per il raffrescamento estivo, se il solare termico si occupa della produzione di acqua calda, la pompa di calore rimane sempre disponibile per il raffrescamento degli ambienti! Scopri qui un approfondimento completo sul solare termico.

Non esiste la soluzione perfetta, che sia sempre la migliore. Per scegliere la soluzione che più si adatta alle tue esigenze consentendo di ottenere il massimo comfort, sfruttando le energie rinnovabili e per ottenere il massimo risparmio, il consiglio migliore che posso darti è di rivolgerti ad un professionista qualificato.

La pompa di calore è sempre più richiesta. Vuoi conoscerla bene? Ecco la guida giusta: clicca qui sotto per riceverla subito gratis in formato PDF.

New call-to-action

Scritto da: Alessandro Trevisan

Alessandro Trevisan

Formatore per l’Accademia Viessmann, esperto in efficienza energetica, pompe di calore e termoregolazioni. Perito tecnico industriale in elettronica e telecomunicazioni, dal 2008 lavora nel settore delle energie rinnovabili, dove si è occupato di progettazione e assistenza tecnica, spinto da curiosità e passione per l’innovazione tecnologica.

Potrebbe interessarti anche

Temperatura acqua calda sanitaria: a quanto impostarla?

Temperatura acqua calda sanitaria: a quanto impostarla?

Leggi l'articolo

Come Regolare al Meglio il Proprio Impianto a Pavimento

Leggi l'articolo
Pro e Contro del Riscaldamento con Pompa di Calore

Pro e Contro del Riscaldamento con Pompa di Calore

Leggi l'articolo

Sostituzione caldaia: le 6 verità nascoste, da chi?

Leggi l'articolo