Inquinamento atmosferico: due armi per combatterlo

Secondo l’OMS - Organizzazione Mondiale della Sanità - il 90% della popolazione mondiale respira aria inquinata. Sono dati che spaventano, ma che non ci devono lasciare indifferenti. Abbiamo tutti i mezzi e le risorse per combattere l’inquinamento atmosferico: vediamo insieme quali sono.

È ora di dire BASTA all'aria inquinata

Il 97% delle città dei paesi a basso e medio reddito con più di 100.000 abitanti non rispettano le linee guida sulla qualità dell'aria. Percentuale che scende al 49% nei paesi ad alto reddito. Ciò si traduce, secondo David Boyd, relatore delle Nazioni Unite sui diritti umani e l'ambiente, nella morte prematura di circa sette milioni di persone ogni anno, una ogni cinque secondi.

“L'inquinamento atmosferico è una violazione dei diritti umani” ha detto Boyd, che ha invitato gli Stati membri ad adottare con urgenza misure volte a migliorare al qualità dell’aria, sconfiggere l’inquinamento e affrontare il cambiamento climatico.

Queste misure comprendono:

  • Il monitoraggio della qualità dell'aria e del suo impatto sulla salute umana
  • La valutazione delle fonti di inquinamento atmosferico
  • L'elaborazione di una legislazione sulla qualità dell'aria e di piani d'azione immediati

Tutti siamo coinvolti in questa situazione: governi, industrie, comunità e singoli individui. Tutti possiamo e dobbiamo agire per combattere l’inquinamento atmosferico, al fine di garantire aria sana e pulita a noi stessi, ai nostri figli e alle generazioni che verranno.

Durante la Giornata Mondiale dell'Ambiente 2019 è emerso che le armi che abbiamo per lottare verso un cambiamento davvero efficace sono due: le energie rinnovabili e le tecnologie verdi.

1. Punta sulle energie rinnovabili

Ridurre l’utilizzo di combustibili fossili per produrre energia è possibile, sostituendo petrolio e carbone con l’energia del sole e del vento e con il calore presente in natura. E le persone sembrano averlo capito. I dati ENEA del primo trimestre 2018 mostrano un aumento nell’utilizzo delle energie rinnovabili che fa ben sperare.

Secondo il report, l’aumento principale si è registrato nella produzione di energia termica. Ciò significa che sempre più famiglie si stanno orientando verso sistemi di riscaldamento alimentati con energie naturali, gratuite ed ecologiche. A spingerle verso questa scelta hanno contribuito anche le detrazioni fiscali del 50% e del 65% e gli incentivi del Conto Termico, che permettono di ottenere un rimborso sull’investimento iniziale se si opta per la sostituzione del vecchio generatore con un sistema di climatizzazione invernale alimentato a energie rinnovabili.

Non ultimo, il Decreto Rinnovabili (D. Lgs. 28/2011) che rende obbligatorio – per edifici di nuova costruzione o immobili oggetto di riqualificazione - realizzare impianti che sfruttino fonti di energia green per coprire il 50% dei consumi di acqua calda sanitaria e il 50% della somma dei consumi derivanti da ACS, riscaldamento e raffrescamento.

Vuoi alcuni consigli per ridurre la produzione di CO2 in casa? Leggi qui.

Ed è qui che entra in gioco la seconda arma a nostra disposizione: la tecnologia.

2. Scegli tecnologie efficienti e sicure

Grazie alle caldaie di ultima generazione, che assicurano ridotte emissioni di CO2 grazie anche alla possibilità di recuperare il calore contenuto nei fumi di scarico, a pompe di calore ad alta efficienza e ai continui sviluppi nel campo del solare (termico e fotovoltaico), oggi è possibile migliorare (e di molto) la qualità dell’aria che respiriamo, salvaguardando il Pianeta e risparmiando sulle spese in bolletta.

Scopri qual è il sistema di riscaldamento più adatto a te.

Oltre alle emissioni di anidride carbonica, gli inquinanti atmosferici sono responsabili anche del surriscaldamento globale. Lo ha affermato il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres, e lo confermano i dati riportati in questa indagine.

Pensa alle vecchie caldaie alimentate a gasolio: oltre che costose dal punto di vista della gestione, sono anche altamente inquinanti.

Ecco perché sono sempre più frequenti azioni volte a limitarne l’utilizzo, come la normativa che impedisce la vendita e la produzione di caldaie a camera aperta che culminerà, a partire dal 26 settembre 2019, con un taglio drastico delle classi di minor efficienza riportate sull’etichetta energetica, e una nuova classificazione da A+++ a D per caldaie e pompe di calore.

Inizia ad informarti nel modo giusto.

Scarica gratis la guida che ti spiega nel dettaglio quali sono le tecnologie migliori sul piano dell'efficienza energetica, del rispetto dell'ambiente e del risparmio economico.

New Call-to-action

 

Scritto da: Stefania Brentaroli

Stefania Brentaroli

Esperta nel settore termoidraulico di tutte le tecnologie innovative per il risparmio energetico.

Potrebbe interessarti anche

Temperatura acqua calda sanitaria: a quanto impostarla?

Temperatura acqua calda sanitaria: a quanto impostarla?

Leggi l'articolo
Pro e Contro del Riscaldamento con Pompa di Calore

Pro e Contro del Riscaldamento con Pompa di Calore

Leggi l'articolo
Come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri

Come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri

Leggi l'articolo

Sostituzione caldaia: le 6 verità nascoste, da chi?

Leggi l'articolo