Riscaldamento a pellet: è vietato o no? Ecco la verità!

Il pellet è un derivato del legno ed è quindi una fonte rinnovabile, ecologica e pulita, a impatto zero in termini di CO2, ideale per chi vuole passare al riscaldamento sostenibile. L'uso scorretto, però, può avere ripercussioni a livello ambientale. Conoscere gli obblighi e le normative in vigore per quanto riguarda il riscaldamento a pellet è fondamentale, se vuoi contribuire a migliorare la qualità dell’aria che respiri ogni giorno. Ecco perché ti consigliamo di proseguire nella lettura di questo post.

Dimmi dove abiti e ti dirò se puoi accendere il riscaldamento a pellet 

Le Regioni del Bacino Padano (Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna) più la Toscana hanno stabilito regole ferree sulla possibilità di accendere il riscaldamento a pellet. Le trovi ben esplicitate nella Guida messa a disposizione da AIEL - Associazione Italiana Energie Agroforestali.

Le limitazioni attive in queste zone si dividono in:

  • Misure strutturali, cioè permanenti, che valgono tutto l’anno ma solo in specifiche zone del territorio regionale.
  • Misure emergenziali, cioè temporanee, valide solo nel periodo che va dal 1° ottobre al 31 marzo di ogni anno e influenzate dai livelli di PM10 registrati giornalmente.

Misure strutturali: divieti e obblighi validi tutto l'anno

Le limitazioni permanenti interessano sia le nuove installazioni sia i generatori già installati, che devono rispettare le disposizioni di ogni regione per quanto riguarda la Certificazione Ambientale. 

A seconda delle emissioni inquinanti e del rendimento, ai generatori di calore a biomassa legnosa vengono assegnate distinte classi di qualità ambientale identificate con un numero di stelle che va da 1 a 5. Tale Certificazione, indicata sull'etichetta energetica assieme alla potenza e alla classe, è stata introdotta dal Ministero dell’Ambiente con il Decreto Legge n. 186 del 7/11/2017.

Maggiore è il numero di stelle, minori sono le emissioni.

Per entrare più nel dettaglio:

  • Per le nuove installazioni - dal 1° ottobre 2018 le caldaie a biomassa, le stufe e i camini a pellet e a legna che decidi di installare in casa devono avere prestazioni emissive certificate con 3 stelle;
  • Per i generatori già installati - è possibile continuare a utilizzare gli apparecchi presenti in casa, purché abbiamo prestazioni emissive di almeno 2 stelle (dal 1° ottobre 2018).

Già dall'anno prossimo, in alcune regioni del Bacino Padano le regole cambieranno. In Lombardia, ad esempio, per le nuove installazioni saranno richieste 4 stelle a partire dal 1° gennaio 2019. Quindi, se devi acquistare un nuovo generatore a pellet assicurati di scegliere già un prodotto con una classe elevata, onde evitare di doverlo sostituire di qui a poco.

Leggi qui per sapere come scegliere la caldaia a pellet più adatta a te.

Misure emergenziali: stop ai generatori poco efficienti 

Con le limitazioni temporanee, invece, il divieto scatta quando dai monitoraggi giornalieri delle PM10 si assiste al superamento dei 50 ug/m3 per 4 giorni consecutivi (primo livello di allerta) o per 10 giorni consecutivi (secondo livello di allerta) e coinvolge:

  • Primo livello di allerta: stufe, inserti camino e caldaie inferiori a 3 stelle
  • Secondo livello di allerta: stufe, inserti camino e caldaie inferiori a 4 stelle

La mia caldaia a biomassa è a norma? 

Un generatore è a norma se è a basse emissioni. E lo si capisce dal numero di stelle riportato sull’etichetta energetica.

Come faccio a sapere quante stelle ha il mio generatore?

Guarda sul libretto di Uso e Manutenzione che ti è stato fornito dal costruttore: qui dovresti trovare il riferimento alla Certificazione Ambientale.

Se non è presente alcuna indicazione, puoi contattare direttamente il produttore o consultare il sito web dell’azienda o, in alternativa, chiedere all’installatore o al CAT. 

I generatori a biomassa, siano essi stufe, caldaie o camini, che hanno più di 15-20 anni probabilmente non sono dotati della Certificazione Ambientale e molto probabilmente non sono a norma. Oltre ad elevate emissioni inquinanti, questi generatori obsoleti potrebbero essere causa di alti consumi: ecco perché ti consigliamo di valutare la possibilità di sostituirli con prodotti più performanti e in linea con le disposizioni normative.

Riassumendo, puoi usare il riscaldamento a pellet in tutta tranquillità se:

  • Hai installato una stufa, un camino o una caldaia a pellet di ultima generazione, cioè con bassi livelli di emissioni inquinanti (da 3 a 5 stelle)
  • Utilizzi pellet certificato e conforme alla classe A1 della norma UNI EN ISO 17225-2
  • Hai integrato il generatore con un impianto solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria, così da risparmiare ulteriormente sui consumi e sulle spese 

Alla luce di queste limitazioni, conviene ancora installare un impianto a biomassa in sostituzione di un generatore alimentato a combustibile fossile?

La risposta è Sì. 

Con una caldaia a pellet di ultima generazione come Vitoligno 300-C hai:

  • Massimo comfort abitativo in tutta la casa
  • Ottimo rendimento stagionale, fino al 95,3%
  • Risparmio economico, perché il pellet costa meno del metano e del gasolio (leggi qui)
  • Basse emissioni di polveri grazie a una tecnologia di combustione innovativa, che assicura una classe di efficienza energetica elevata (da 3 a 5 stelle, a seconda della potenza)
  • Ingombri ridotti e facilità di installazione in edifici di nuova realizzazione così come in abitazioni oggetto di ristrutturazione
  • Comode funzioni automatiche come la pulizia della camera di combustione e il caricamento del pellet
  • Possibilità di collegare il generatore ai pannelli solari termici per riscaldare l’acqua sanitaria sfruttando l’energia del sole
  • Controllo remoto della caldaia grazie all’App dedicata
  • Agevolazioni fiscali per abbassare l’investimento e risparmiare sui costi di acquisto e installazione. 
Scopri subito quanto puoi risparmiare sulla tua nuova caldaia, grazie al Conto Termico. Seleziona un prodotto Viessmann e calcola il tuo incentivo attraverso il nostro tool oline.

Adeguarsi alla normativa oggi costa meno della metà!

Cogli al volo questa possibilità: scarica la Guida gratuita con tutte le istruzioni passo-passo per accedere agli incentivi.

Scarica guida detrazioni fiscali e conto termico PDF 

Scritto da: Marcello Caceffo

Marcello Caceffo

Esperto nel settore termoidraulico, da anni forma e aggiorna operatori e professionisti, sia interni che esterni all'azienda, sui principi di funzionamento e le tecnologie degli impianti termici a biomassa legnosa, sulle caldaie a gas e a gasolio e sui pannelli solari termici e fotovoltaici.

Potrebbe interessarti anche

Temperatura acqua calda sanitaria: a quanto impostarla?

Temperatura acqua calda sanitaria: a quanto impostarla?

Leggi l'articolo
Pro e Contro del Riscaldamento con Pompa di Calore

Pro e Contro del Riscaldamento con Pompa di Calore

Leggi l'articolo
Come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri

Come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri

Leggi l'articolo

Sostituzione caldaia: le 6 verità nascoste, da chi?

Leggi l'articolo