30 agosto 2021  |  a cura di Alberto Zardini  |  condividi con

Scegliere la nuova caldaia: 4 consigli per l’acquisto

30 agosto 2021
Caldaie a Condensazione

Leggi la nostra mini-guida per non trovarti impreparato nel momento in cui dovrai scegliere una nuova caldaia per la tua abitazione.

L’acquisto di una nuova caldaia non è particolarmente emozionante, ma senz’altro si tratta di una scelta importante. Proprio come quando si acquista un’automobile, ci sono molti fattori da considerare (e probabilmente anche qualche compromesso) per essere certi di fare la scelta giusta. Se ti sembra di camminare in un campo minato, non farti prendere dal panico e leggi i nostri consigli! Ti aiuteranno a orientarti attraverso le tecnologie e le varianti disponibili.

Consiglio #1: conoscere le differenti tipologie di caldaia

Prima di tutto devi capire se ti serve una caldaia per il solo riscaldamento, per l’acqua calda sanitaria (ACS) o per entrambe le necessità. La maggior parte delle caldaie di nuova installazione sono del tipo combinato, ossia in grado di produrre acqua calda sia per il riscaldamento che per uso sanitario. Tutte le caldaie di nuova commercializzazione, inoltre, devono oggi essere del tipo a condensazione, una tecnologia che consente importanti risparmi di gas metano e riduce le emissioni (per sapere come funziona leggi anche Caldaia a condensazione, una guida completa alla scelta). Esistono due tipologie fondamentali di caldaie a gas combinate condensazione: murali e a basamento. Le prime sono quelle che possono essere installate tipicamente in cucina o sul balcone, le seconde necessitano di uno spazio più ampio e sono da posizionare sul pavimento. Le caldaie murali si distinguono a loro volta in:

  • istantanee;
  • con accumulo integrato;
  • solo riscaldamento (con bollitore per ACS separato).

Caldaie combinate istantanee

Le caldaie murali istantanee, ad esempio le nuove caldie Vitodens 100-WVitodens 200-W, nelle quali l’acqua viene prelevata dalla rete idrica e riscaldata all’instante nel momento della richiesta, sono molto diffuse. Si tratta di apparecchi di dimensioni contenute che possono facilmente essere installati in un pensile della cucina, e dispongono della sufficiente potenza per garantire comfort sanitario e ambientale nel periodo invernale. Un’unica precauzione è necessaria per quanto riguarda la produzione di ACS: conoscere la temperatura in ingresso dalla rete idrica e la contemporaneità di utilizzo delle diverse utenze.

Caldaie combinate con accumulo integrato

Una caldaia con accumulo è dotata di un bollitore che contiene una “riserva” di acqua calda sanitaria. Sono la scelta ideale per famiglie numerose con consumi elevati e permettono di aprire più rubinetti in contemporanea. È molto importante che la scelta di una caldaia con accumulo sia corretta per essere certi di ottenere il corretto comfort in ACS, che dipende dalla capacità dell’accumulo, e soddisfare così le aspettative dell’utente. Fanno parte di questa categoria, ad esempio, Vitodens 111-W e Vitodens 222-W, caldaie murali a condensazione a gas di dimensioni compatte con bollitore in acciaio inox integrato di capacità 46 litri che garantisce un elevato comfort sanitario.

Scaldabagno tradizionali

Gli scaldabagno o scaldacqua (chiamati comunemente “boiler”), a gas o a energia elettrica, si occupano solamente della produzione di acqua calda sanitaria e oggi sono meno diffusi. Vengono impiegati prevalentemente nelle abitazioni di villeggiatura dove non è previsto il riscaldamento o nelle abitazioni con impianto di riscaldamento centralizzato. I più moderni scaldabagno sono quelli elettici in pompa di calore, come Vitocal 060-A di Viessmann, che, rispetto alle soluzioni solo elettriche o a gas, permettono di risparmiare notevolmente sui consumi.

Consiglio #2: stabilire il budget

Stabilire in anticipo il proprio budget restringe il campo e consente di focalizzarsi velocemente sulle soluzioni più indicate. I prezzi delle caldaie dipendono dalla qualità dei componenti utilizzati dal produttore, dal tipo di caldaia (istantanea, con accumulo, ecc...), dalla sua potenza e dalla presenza o meno di un sistema di regolazione evoluto (scopri qui le funzionalità di una caldaia a condensazione di ultima generazione). Generalmente una caldaia istantanea costa meno di una con accumulo integrato. Ricordati di considerare anche il costo dell'installazione che non è incluso nel prezzo della caldaia.

Consiglio #3: scegliere la posizione

Il posizionamento della caldaia è importante perché anche da questo dipende il tipo di caldaia che si può installare. Per esempio, se vuoi nascondere la caldaia in un mobile della cucina, avrai bisogno di una caldaia istantanea abbastanza piccola. Si deve sempre considerare la posizione della caldaia in funzione dello scarico fumi, per evitare costi eccessivi in fase di installazione. Qualsiasi raccordo per la canna fumaria deve essere conforme alle istruzioni di installazione del produttore e alle norme di sicurezza.

Consiglio #4: controllare le condizioni di garanzia

Le condizioni di garanzia sono un altro elemento da considerare quando acquisti una nuova caldaia. Le caldaie possono essere un investimento significativo e duraturo e vale la pena non correre rischi. Le caldaie sono fornite con una garanzia standard di due anni prevista dalla legge, ma i produttori forniscono in genere contratti di estensione di garanzia che coprono un periodo più lungo. Viessmann, per esempio, offre il programma Garanzia 5Plus, che prevede un’estensione di garanzia da 2 a 5 anni per chi acquista alcuni modelli di caldaie a condensazione. 

installatori-partner-viessmann

Lascia un commento

E' stato interessante?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nuovi articoli