Come riscaldare la casa con energia rinnovabile

I continui sbalzi climatici e le problematiche legate alle emissioni inquinanti nell'atmosfera stanno facendo crescere, tra le famiglie italiane, una certa sensibilità verso le tematiche legate alla salvaguardia dell'ambiente. Il sempre maggiore consumo energetico, sia in ambito civile che industriale, sta portando al completo esaurimento delle risorse non rinnovabili, come il petrolio, che sono ancora le più utilizzate per produrre energia. Cosa possiamo fare, nel nostro piccolo, per mitigare questi fenomeni che, a lungo andare, possono rivelarsi davvero pericolosi? La risposta è: puntare su fonti di energia rinnovabile, alternativa e sostenibile. Vediamo insieme quali sono le soluzioni più ecologiche per riscaldare la tua casa, che possono farti risparmiare sulla bolletta e al tempo stesso rispettare l'ambiente.

Solare termico per riscaldare l'acqua sanitaria

Una parte della spesa mensile per il riscaldamento è dovuta al consumo di acqua calda sanitaria. E se potessi tagliare questi costi, sfruttando il sole per generare ACS? Con i pannelli solari termici installati sul tetto è possibile catturare l'energia solare e, attraverso un fluido che scorre nei moduli, trasferire il calore così generato all'acqua accumulata in un bollitore.

Inoltre l'acqua calda può essere convogliata anche ai radiatori o ai pannelli radianti, se hai il riscaldamento a pavimento, così da permetterti di riscaldare gli ambienti sfruttando una fonte 100% green e rinnovabile.

Il solare termico, però, è vincolato alla presenza del sole. Ciò significa che è in grado di assicurarti acqua calda per il bagno, la cucina e l'impianto di riscaldamento per 6/8 mesi l'anno (indicativamente da marzo a ottobre), durante i quali puoi addirittura spegnere la caldaia. In inverno, quando le ore di luce sono minori e le temperature sono particolarmente basse devi poter contare su un generatore di supporto. Se vuoi puntare ancora sulle rinnovabili, puoi abbinare ai pannelli solari un generatore a biomassa o una pompa di calore.

Biomasse legnose: una risorsa per l'ambiente e per il riscaldamento domestico

Una delle principali fonti di energia rinnovabile è il legno. Fin dall'antichità esso veniva utilizzato in stufe e camini per riscaldare gli ambienti domestici. Oggi, grazie alle innovazioni tecnologiche, è possibile sfruttare i ciocchi di legno e altri suoi derivati, come il pellet, per godere di un caldo tepore grazie a caldaie di ultima generazione.

I modelli più evoluti, come la caldaia a pellet Vitoligno 300-C di Viessmann, sono dotati di una tecnologia di combustione innovativa che assicura basse emissioni di polveri. Inoltre sono modelli del tutto automatici, per quanto riguarda il caricamento del combustibile e la pulizia. 

Un generatore di questo tipo ti permette di risparmiare fino al 50% rispetto a una caldaia tradizionale, assicurandoti un riscaldamento naturale ed ecologico. Puoi scegliere di installarlo da solo o di abbinarlo a una caldaia a gas/gasolio o, come anticipato prima, a un sistema di pannelli solari termici, per la produzione dell'acqua calda.

Pompa di calore: l'energia dalla terra, dall'acqua e dall'aria

La pompa di calore è il generatore di calore attualmente più efficiente ed ecologico, presente sul mercato. Esso è in grado di produrre energia termica da convogliare all'impianto di riscaldamento recuperando il calore direttamente dal sottosuolo (è il caso delle pompe di calore geotermiche), dall'aria presente nell'ambiente interno o esterno (pompe di calore aria-aria e aria-acqua) o dalla falda acquifera.

La pompa di calore si abbina perfettamente a impianti a basse temperature di esercizio, come i pannelli radianti. Utilizzando questo generatore per riscaldare l'acqua da far scorrere nei tubi posati sotto il pavimento, infatti, massimizzi l'efficienza del sistema di riscaldamento assicurandoti un comfort ottimale e bollette più leggere.

Scopri come azzerare la bolletta grazie all'abbinamento pompa di calore + riscaldamento a pavimento.

Alla fine, però, si tratta pur sempre di un elettrodomestico, quindi per funzionare la pompa di calore ha bisogno di elettricità.

Questo potrebbe frenarti dall'acquistarla, per paura che la spesa per la corrente sia troppo elevata.

In realtà, per ogni kW elettrico consumato le pompe di calore ad alta efficienza riescono a produrre 3-6 kWh di energia termica.

Come faccio a sapere se la pompa di calore che voglio acquistare è efficiente? Devi guardare il COP e altri parametri che abbiamo elencato in questo articolo.

Se vuoi aumentare la tua quota di risparmio e ridurre le spese del riscaldamento puoi sempre installare i pannelli fotovoltaici sul tetto. Sì, hai letto bene. I pannelli fotovoltaici ti permettono di produrre autonomamente e a costo zero tutta l'energia elettrica di cui hai bisogno in casa. E se ci abbini un sistema di accumulo puoi immagazzinare l'energia che non utilizzi subito per sfruttarla in un secondo momento, ad esempio di sera o di notte quando il sole è tramontato. 

Cosa c'entra questo, con il riscaldamento? Semplice, se hai il fotovoltaico puoi lasciare in funzione la pompa di calore in tutta tranquillità, perché verrà alimentata con l'energia auto-prodotta dai moduli. Così abbassi in un colpo solo sia la bolletta dell'elettricità sia quella del riscaldamento.

Sistema ibrido: comfort e convenienza, per tutti

Installare la pompa di calore in casa è una scelta a favore dell'ambiente, oltre che del risparmio, che risponde perfettamente alle direttive comunitarie circa l'utilizzo di fonti rinnovabili per coprire i consumi domestici. Tuttavia non sempre puoi abbandonare completamente i combustibili fossili. Pensa alla zona climatica in cui vivi: se d'inverno le temperature scendo di molto sotto lo zero, da sola la pompa di calore potrebbe non riuscire a soddisfare le tue necessità domestiche. 

Cosa fare in questo caso?

L'opzione è il sistema ibrido. Si tratta di una soluzione innovativa che combina generatori diversi, in quanto a tecnologie e fonti di energia, per assicurarti sempre il massimo comfort.

La combinazione più diffusa è quella che prevede pompa di calore + caldaia a condensazione. Se vuoi optare per questo tipo di impianto, assicurati che sia presente un sistema di regolazione capace di valutare autonomamente qual è il generatore di calore più conveniente da attivare, in base alla temperatura esterna e al fabbisogno dell'impianto. In questo modo potrai contare sempre su una casa accogliente, con costi ed emissioni ridotte al minimo.

 

Soddisfare i bisogni energetici della tua famiglia consumando meno energia e producendola direttamente con fonti rinnovabili è possibile. Ed è anche conveniente, se approfitti delle detrazioni e degli incentivi fiscali. Scarica la Guida qui sotto e scopri quali sono le agevolazioni previste per chi sceglie di efficientare il proprio impianto di riscaldamento sfruttando sistemi a energia rinnovabile. 

Scarica guida detrazioni fiscali e conto termico PDF

Scritto da: Sergio Cucchiara

Sergio Cucchiara

Esperto in caldaie e impianti solari termici, è tecnico e formatore dell'Accademia Viessmann Italia rivolta a tutte le figure professionali del settore termotecnico, con corsi specifici sulle tecnologie di caldaie murali e a basamento, pompe di calore e criteri di installazione degli impianti solari termici per un ottimale utilizzo dell’energia solare.

Potrebbe interessarti anche

Temperatura acqua calda sanitaria: a quanto impostarla?

Temperatura acqua calda sanitaria: a quanto impostarla?

Leggi l'articolo
Pro e Contro del Riscaldamento con Pompa di Calore

Pro e Contro del Riscaldamento con Pompa di Calore

Leggi l'articolo
Come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri

Come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri

Leggi l'articolo

Sostituzione caldaia: le 6 verità nascoste, da chi?

Leggi l'articolo