14 settembre 2022  |  a cura di Sergio Cucchiara  |  condividi con

Condizionatore a pompa di calore: come funziona

14 settembre 2022
Efficienza Energetica, Climatizzatori e Condizionatori

Tutti i condizionatori, o climatizzatori, funzionano con il principio della pompa di calore, ma alcuni sono reversibili, ossia capaci raffrescare e riscaldare gli ambienti.

Quando sentite parlare di condizionatore a pompa di calore pensate che si tratti di una speciale tecnologia tipica solo di alcuni modelli? In realtà non è esattamente così, perché tutti i condizionatori sono pompe di calore! La differenza tra un modello e l’altro la fanno le caratteristiche tecniche e le funzionalità, a partire dall’importante capacità di poter funzionare non in “solo freddo” ma anche per riscaldare.
Vediamo, quindi, come funziona, quali sono le principali differenze tecnologiche e gli incentivi a disposizione per l’acquisto di un condizionatore a pompa di calore.

Climatizzatore-a-pompa-di-calore-Vitoclima-232s-900x525-1

Indice:

  1. Cosa è un condizionatore a pompa di calore
  2. Funzionamento in solo freddo o in raffrescamento e riscaldamento
  3. Condizionatore on-off o inverter
  4. Altre caratteristiche di un condizionatore a pompa di calore
  5. Bonus condizionatore a pompa di calore per l'acquisto

Cosa è un condizionatore a pompa di calore

I condizionatori o climatizzatori (i due termini sono praticamente sinonimi, anche se il secondo generalmente si riferisce a sistemi più recenti con caratteristiche evolute) sono pompe di calore elettriche del tipo aria-aria.

Scegli il miglior climatizzatore per la tua casa! > Prova il nostro  configuratore online

Cosa significa? Vuol dire che utilizzano come sorgente l’energia termica presente nell’aria, per trasferire freddo direttamente all’aria degli ambienti grazie un ciclo termodinamico che funziona in questo modo: in un circuito chiuso di tubazioni in rame scorrono particolari fluidi (chiamati gas refrigeranti) che vengono ciclicamente compressi da un compressore elettrico, trasformandosi dallo stato liquido a quello di gassoso e viceversa grazie al passaggio da un condensatore e da un evaporatore. È il passaggio attraverso l’evaporatore che consente di raffrescare, perché qui il fluido in stato liquido e a bassa pressione preleva calore dall’aria degli ambienti in cui si trova trasferendo freddo, con il supporto di un ventilatore. Dopo il passaggio dall’evaporatore, il fluido, di nuovo in stato gassoso, torna al compressore e il ciclo ricomincia. È esattamente così che funziona un frigorifero.

guida-climatizzatori-viessmann

Funzionamento in solo freddo o in raffrescamento e riscaldamento

Come abbiamo accennato, una delle caratteristiche più importanti di un condizionatore a pompa di calore è quella di poter funzionare sia per raffrescare che per riscaldare, sottraendo di fatto calore dall’aria esterna che viene poi immesso negli ambienti interni. Si tratta comunque di pompe di calore aria-aria, ma in questo caso vengono chiamate “reversibili” perché sono in grado di invertire il ciclo di funzionamento.

Nelle mezze stagioni, con temperature esterne favorevoli, fare riscaldamento utilizzando un condizionatore è conveniente e aiuta a consumare meno gas. > Leggi l'approfondimento

In un condizionatore a pompa di calore con funzione di riscaldamento di tipo “splittato“ (ossia con unità interna ed esterna), anche il condensatore, dove il fluido gassoso cede calore ritornando allo stato liquido, è posto nell’unità interna, che potrà così riscaldare l’aria aiutandosi, anche in questo caso, con il ventilatore presente. In un condizionatore solo freddo, invece, il condensatore è nell’unità esterna. Utilizzare un climatizzatore per riscaldare, almeno nelle mezze stagioni, è un’opzione particolarmente conveniente perché può consentire di risparmiare sui consumi della caldaia.
Little child sitting in living room with teddy bear-1

Condizionatore on-off o inverter

Una seconda caratteristica importante dei condizionatori (o climatizzatori) è il tipo di funzionamento, un elemento che influisce direttamente sui consumi. In particolare, esistono:

Mentre con la vecchia tecnologia on-off il compressore del condizionatore si mette funzione sempre alla massima potenza finché non raggiunge la temperatura desiderata (per poi disattivarsi e ripartire di nuovo al massimo quando la temperatura scende), con la tecnologia inverter il funzionamento diventa molto più intelligente. In questo caso, infatti, c’è un sistema elettronico che gestisce il compressore in modo proporzionale alla richiesta termica consentendo di impiegare solo la potenza effettivamente necessaria in quel momento. Quando la differenza di temperatura da colmare è alta, il climatizzatore funziona alla massima potenza, per poi diminuirla gradualmente man mano che la temperatura ambiente si avvicina a quella impostata sul termostato. Una volta raggiunta, il compressore non si spegne, proseguendo a funzionare al minimo regime necessario per mantenerla, evitando quindi riaccensioni e spegnimenti che consumano energia. In questo modo, inoltre, aumenta anche il comfort perché si evita il passaggio continuo tra forti getti d’aria molto fredda e il fermo del sistema.

guida-climatizzatori-viessmann

Altre caratteristiche di un condizionatore a pompa di calore

Ormai, la maggior parte dei climatizzatori a pompa di calore delle principali marche è dotata di tecnologia inverter ed è del tipo reversibile, ossia capace anche di riscaldare.

Nelle mezze stagioni, con temperature esterne favorevoli, fare riscaldamento utilizzando un condizionatore è conveniente e aiuta a consumare meno gas. > Leggi l'approfondimento

Non tutti i sistemi, però, hanno la stessa qualità e allora bisogna allargare lo sguardo alla tecnologia, ai materiali e alle funzioni aggiuntive. Classe di efficienza energetica (i migliori sono in classe A+++, come il Vitoclima 232-S di Viessmann), bassa rumorosità, funzione deumidificatore, comodità di gestione, fino alla purificazione dell’aria, sono i principali elementi che devi considerare per fare una scelta oculata che duri nel tempo.

I climatizzatori stanno diventando indispensabili nelle abitazioni. Ecco le caratteristiche che il miglior climatizzatore deve possedere, per fare una scelta intelligente e definitiva. > Leggi l'approfondimento

Scegli il miglior climatizzatore per la tua casa! > Prova il nostro  configuratore online

Bonus condizionatore a pompa di calore per l'acquisto

Avere un climatizzatore in casa si rivelerà sempre più importante, perché è probabile che anche le estati dei prossimi anni saranno decisamente calde. Se non ti sei ancora attrezzato, ma hai preso in considerazione l’idea, oppure se intendi sostituire il tuo vecchio sistema inefficiente, sappi che esistono bonus e incentivi che riducono i costi di acquisto e installazione.

Se stai pensando all’installazione di un nuovo climatizzatore, hai la possibilità di cogliere modalità vantaggiose per finanziare il tuo acquisto e approfittare dei bonus condizionatori 2022. > Leggi l'approfondimento

Esiste il Bonus ristrutturazioni (o Bonus casa) che consente di detrarre il 50% delle spese, oppure l’Ecobonus con detrazione al 65% per la sostituzione di impianti (è svincolato dalla ristrutturazione ma necessita di un’asseverazione che attesti il miglioramento di efficienza) o, ancora, il Conto Termico 2.0 che fornisce un contributo diretto fino al 65% delle spese. Oltre, naturalmente, al Superbonus 110%, che però per le abitazioni unifamiliari finirà il 31 dicembre di quest’anno e che è sfruttabile solo in abbinamento ad almeno uno degli interventi trainanti.

Contatta-installatore-Partner-Viessmann-Vitoclima-2021

Lascia un commento

È stato interessante?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nuovi articoli