Pompa di calore per acqua calda sanitaria: è efficiente?

[fa icon="calendar"] 14 novembre 2018 - 17:45 / da Alessandro Trevisan

Alessandro Trevisan

Pompa di calore per acqua calda sanitaria: è efficiente?

L'acqua calda per uso sanitario (ACS) utilizzata nelle abitazioni, di norma viene prodotta dallo stesso generatore che riscalda l'acqua tecnica dell'impianto di riscaldamento a radiatori o a pavimento radiante. Esistono, però, soluzioni più efficienti e convenienti, che permettono di risparmiare sui costi dell'energia e che hanno anche un ridotto impatto ambientale.

La modalità più efficiente in assoluto è quella offerta dal solare termico perché permette di sfruttare l'energia gratuita e rinnovabile del sole per la produzione di acqua calda sanitaria, anche se deve essere affiancato a un altro generatore che possa garantire l'acqua calda anche quando il sole non c'è o non è sufficiente.

Un'alternativa ecologica, conveniente e che può funzionare 365 giorni l'anno è la pompa di calore per acqua calda sanitaria! Vediamo come funziona.

Produrre l’acqua calda per il riscaldamento domestico e per gli usi sanitari con un solo apparecchio è sicuramente molto comodo. Tuttavia, perché si possa parlare di convenienza ed efficienza, il generatore deve essere ad alto rendimento. E non tutti hanno in casa generatori di ultima generazione come le caldaie a condensazione.

L’alternativa, quindi, è separare l’impianto utilizzando due generatori diversi:

  • uno per il riscaldamento degli ambienti
  • uno per la produzione di acqua calda sanitaria

Molte famiglie utilizzano scaldabagno elettrici, caratterizzati da un piccolo accumulo e da un riscaldatore elettrico che mantiene l’acqua alla temperatura desiderata, pronta per essere utilizzata al bisogno. Si tratta di apparecchi poco ingombranti, che possono essere installati direttamente in bagno, ed economici, ma purtroppo anche poco convenienti. Utilizzare uno scaldabagno elettrico comporta alti consumi di energia elettrica, quindi per avere acqua calda sanitaria devi pagare bollette salate.

Altri impiegano scaldabagni a gas, spesso installati all'esterno. Anche in questo caso si tratta di generatori poco ingombranti, con il vantaggio di far fronte a potenze termiche elevate, e quindi possono garantire comfort elevato, ma sono piuttosto energivori e poco efficienti.

Oggi, per fortuna, puoi optare per soluzioni a risparmio energetico, che sfruttano le energie rinnovabili e ti assicurano il massimo comfort con la minima spesa. Una di queste è la pompa di calore per acqua calda sanitaria.

Scaldacqua a pompa di calore: l’alternativa ecologica e conveniente

Forse conosci già il funzionamento della pompa di calore.  Questo apparecchio è in grado di sfruttare il calore già presente in natura da aria, acqua o terra per trasferirlo dentro la tua casa. Esistono diverse tipologie di pompe di calore in base alla sorgente rinnovabile impiegata e in base al loro utilizzo. 

Per la produzione di acqua calda sanitaria sono sviluppate delle pompe di calore specifiche, che possono lavorare in modo efficiente alle temperature elevate richieste. Sono chiamati scaldacqua a pompa di calore, composti di un serbatoio di acqua sanitaria con isolamento termico che integra una piccola pompa di calore per il suo riscaldamento. Possono recuperare il calore gratuito e rinnovabile contenuto nell'aria esterna, oppure dall'ambiente dove è installato, andando a recuperare calore altrimenti non utilizzato da un locale tecnico, garage o lavanderia.

Messo a confronto con il tradizionale scaldabagno elettrico, lo scaldacqua a pompa di calore ha una resa mediamente 3 volte superiore. Ciò significa che ti permette di risparmiare fino al 75% in bolletta, godendo sempre del massimo comfort.

La capacità del bollitore dipende dalle tue esigenze: per nuclei familiari di 4-6 persone in genere è consigliato un bollitore da 300 litri, come quello integrato nello scaldacqua a pompa di calore Vitocal 262-A. 

Questo particolare scaldacqua a pompa di calore ha un ampio campo di funzionamento (da -8°C a +40°C), cioè può recuperare calore dall’aria esterna anche in condizioni particolari, quando fa molto freddo, e può riscaldare l’acqua fino a 65°C.

Installando in casa uno scaldabagno a pompa di calore hai un duplice vantaggio. Oltre a poter produrre acqua calda sanitaria in modo efficiente, se raccoglie il calore dall'ambiente in cui è installato puoi godere di un effetto di deumidificazione, liberando la stanza dall'umidità e preservando la struttura dell'edificio.

Alcuni scaldacqua sono predisposti per il collegamento di un generatore di calore esterno come una caldaia a gas o a gasolio, per realizzare un sistema ibrido, che può assicurare maggiore produzione di acqua calda sanitaria, combinando all'efficienza della pompa di calore la potenza del generatore ausiliario, quando necessario. In questo caso è importante che il sistema ibrido sia gestito in maniera intelligente, come per lo scaldacqua Vitocal 262-A: la regolazione della pompa di calore comanda l'accensione della caldaia quando necessario in modo completamente automatico, per garantire il comfort richiesto e preferire in ogni momento il generatore più conveniente, in base alle preferenze dell'utente, dal punto di vista ecologico o economico.

Scopri perché le pompe di calore ibride sono molto richieste.

Combinazione con i pannelli solari fotovoltaici

La pompa di calore per il suo funzionamento consuma energia elettrica, è quindi ideale l'abbinamento con l'impianto fotovoltaico che produce energia elettrica in modo rinnovabile e gratuito sfruttando l'energia solare.

Con una regolazione intelligente come quella di Vitocal 262-A è possibile ottimizzare il funzionamento della pompa di calore in base alla produzione del fotovoltaico, in modo da sfruttare al massimo l'energia autoprodotta dai pannelli solari. In questo modo con lo scaldacqua a pompa di calore è possibile produrre acqua calda sanitaria 100% rinnovabile a costo zero.

Con le detrazioni fiscali e incentivi conviene ancora di più!

La pompa di calore per acqua calda sanitaria è una soluzione davvero conveniente, perché ti permette di avere sempre acqua calda a tua disposizione, con un notevole risparmio di costi e di energia. E in più, se sostituisci il vecchio scaldabagno con uno scaldacqua a pompa di calore entro il 31 dicembre 2018, puoi beneficiare di importanti agevolazioni che ti consentiranno di abbassare i costi dell’investimento. Un esempio? Con il Conto Termico 2.0 puoi ottenere fino a 700 € di incentivo.

 Scopri di più su detrazioni e agevolazioni fiscali nella Guida gratuita che trovi qui sotto.

Scarica la Guida sulle Detrazioni 2018

Categorie: Acqua Calda Sanitaria, Pompe di Calore

Alessandro Trevisan

Scritto da Alessandro Trevisan

Formatore per l’Accademia Viessmann, esperto in efficienza energetica, pompe di calore e termoregolazioni. Perito tecnico industriale in elettronica e telecomunicazioni, dal 2008 lavora nel settore delle energie rinnovabili, dove si è occupato di progettazione e assistenza tecnica, spinto da curiosità e passione per l’innovazione tecnologica.