logo Viessmann

QUALE CLIMATIZZATORE SCEGLIERE PER AVERE MAGGIORI VANTAGGI?

Per migliorare il comfort in casa e risparmiare in bolletta la scelta di un climatizzatore di ultima generazione è senza dubbio quella più consigliata. Oltre a garantirti efficienza energetica e prestazioni elevate, i nuovi climatizzatori si dimostrano un valido alleato anche per l'ambiente perché utilizzano l'R32 come gas refrigerante, che ha il vantaggio di avere un impatto ambientale davvero minimo.

Non devi trascurare anche l'elemento del design, perché l'inserimento armonioso ed elegante in ogni ambiente è un plus sempre più ricercato da parte delle famiglie.

Di seguito troverai una piccola guida sui climatizzatori che ha lo scopo di aiutarti a individuare la migliore soluzione per te.

 Cos'è un climatizzatore?

 

vitoclima_viessmann2.png

Condizionatore e climatizzatore sono termini ormai noti in quanto li puoi trovare spesso negli ambienti domestici, in negozio o al lavoro.

E' un prodotto in grado di raffrescare gli ambienti di casa, controllando la temperatura, l'umidità, la qualità e la distribuzione dell'aria, e per questo rappresenta un valido strumento per contrastare caldo e afa tipici del periodo estivo.

Il climatizzatore è solo uno dei metodi che hai a disposizione per affrontare l'estate all'insegna del comfort e del benessere. Esistono anche alternative come: pompa di calore, raffrescamento a pavimento, solar cooling, ecc. che puoi approfondire nell'articolo di Marcello Caceffo,  formatore per l’Accademia Viessmann. Leggi l'articolo  >

In commercio puoi trovare diverse tipologie di climatizzatori, a seconda della modalità di installazione e funzionamento, anche se i più famosi e utilizzati sono quelli fissi in versione split, come Vitoclima 232-S di Viessmann, che richiedono la realizzazione di un impianto.

Questi sono costituiti da due parti principali:

  • Unità esterna, posizionata normalmente su balcone, facciata o parete;
  • Unità interna, installata a parete, soffitto e/o pavimento.

Sia l'unità esterna sia quella interna possono essere singole o molteplici.
Si parla in questo caso di:

  • Climatizzatore monosplit: una singola unità esterna alimenta una unità interna;
  • Climatizzatore multisplit: una o più unità esterne alimentano più unità interne.

Dall'unità interna il calore viene trasferito all'unità esterna fino a quando non viene raggiunta la temperatura in ambiente desiderata, per poi mantenerla al fine di garantire benessere.

Come funziona un climatizzatore? 

 

funzionamento_ciclo-frigorifero_viessmann.png

Il climatizzatore è una macchina frigorifera e sfrutta i principi della termodinamica e le proprietà del gas refrigerante contenuto al suo interno per effettuare in modo ottimale il trasferimento di calore tra dentro e fuori l'abitazione.

Nell'unità esterna si trova il motore del condizionatore, il compressore, che ha la funzione di comprimere il gas refrigerante e farlo passare allo stato liquido (liquido refrigerante).

Tramite un circuito idraulico il liquido refrigerante passa dall'unità esterna all'unità interna, dove troviamo l'evaporatore, che fa evaporare il liquido facendolo ritornare allo stato gassoso. Questo passaggio di stato richiede calore, che viene prelevato dall'ambiente interno, così da raffreddare la stanza.

Attraverso altri tubi il gas viene riportato all'unità esterna per cedere fuori dall'abitazione il calore accumulato e riprendere il circuito. E' proprio per questo che quando passi vicino all'unità esterna di un condizionatore in azione senti uscire aria calda!

I climatizzatori di ultima generazione utilizzano come gas refrigerante l'R32, che presenta numerosi vantaggi rispetto al gas R410A presente nei modelli precedenti.


In questo articolo, Alessandro Trevisan, formatore per l’Accademia Viessmann, descrive tutto quello che c'è sapere su questo gas e i vantaggi offerti. L'elemento fondamentale che devi cogliere è che il gas refrigerante R32 migliora l'efficienza e le prestazioni del climatizzatore perché di gran lunga più ecologico e performance. Leggi l'articolo  >


RICORDA: Il Regolamento Europeo Nr. 517/2014 pone importanti limitazioni sulle tipologie e le quantità di gas refrigeranti da utilizzare nei condizionatori.

Dal 2025 sarà vietato l’utilizzo di gas ad alto potenziale di surriscaldamento, GWP superiore a 750, nei condizionatori monosplit con carica refrigerante inferiore ai 3 kg.

18-07_Vitoclima-&-Design-1.jpg

Viessmann, da sempre attenta alla sostenibilità e alla tutela dell'ambiente, utilizza l'R32 per tutta la propria gamma di condizionatori residenziali, sia in versione monosplit sia multisplit.

Il climatizzatore può essere utilizzato non solo per il raffrescamento, ma anche per il riscaldamento di casa durante le stagioni fredde, a patto che sia in pompa di calore.

Come funziona?
Semplice, attraverso un'inversione del ciclo frigorifero: il calore viene prelevato dall'esterno e trasferito all'interno.

I condizionatore in pompa di calore sono in grado di riscaldare o raffrescare secondo le necessità e rappresentano un valido sistema per produrre, ad esempio, aria calda in modo conveniente durante le mezze stagioni, dando una mano al riscaldamento di casa e al portafoglio.

Puoi approfondire i vantaggi di questa soluzione in questo articolo.

 


RICORDA: I condizionatori in pompa di calore sono gli unici a poter beneficiare della detrazione fiscale 65% valevole per il 2018.


Vuoi sapere qual è il climatizzatore più adatto alle tue esigenze?

Scoprilo nella Guida alla scelta del Climatizzatore. 

Scarica Guida Clima PDF

Come si scegliere la potenza giusta del climatizzatore

 

potenza-climatizzatori_viessmann.png

Nella scelta di un condizionatore non devi dimenticare che, per ottenere il massimo dell’efficienza energetica, è fondamentale dimensionare correttamente l’impianto in virtù della metratura dell'ambiente, quindi scegliere la potenza adeguata della macchina espressa in kW o in BTU/h.

La potenza di un condizionatore inverter è direttamente proporzionale all’ambiente da raffrescare: più grande è la stanza maggiore sarà il valore Btu/h o Watt necessario.

Il volume degli spazi, però, non è l’unico fattore da considerare quando si deve acquistare un impianto di climatizzazione, ma entrano in gioco altri elementi quali:

  • Carico termico interno addizionale
  • Numero di persone
  • Esposizione delle stanze rispetto al sole
  • Numero porte e finestre
  • Isolamento termico dell'edificio

Scopri come come scegliere un climatizzatore in base ai metri quadri nell'articolo scritto da Alberto Zardini, formatore dei professionisti termoidraulici presso l'Accademia Viessmann. Leggi l'articolo  > 


RICORDA: Sovradimensionare o sottodimensionare l'impianto di climatizzazione rischia di essere controproducente dal punto di vista economico, quindi, per scegliere il modello migliore per te, rivolgiti sempre a personale tecnico qualificato e competente, come gli installatori Partner per l'Efficienza Energetica Viessmann  

Caratteristiche e funzioni dei climatizzatori

 

vitoclima4.jpg

Il climatizzatore è un elettrodomestico e, come per gli altri,  è dotato di etichetta energetica che ne descrive le prestazioni. In commercio puoi trovare modelli di classe energetica dalla A+++ alla D.

Il consiglio è senza dubbio di orientarti verso l'acquisto di climatizzatori ad alta efficienza (A++ o superiore), perché i consumi sono nettamente inferiori rispetto alle classi più basse (un condizionatore in classe energetica A+++ può consumare il 40% in meno rispetto a uno in classe B). Questo fa si che il costo leggermente più alto del prodotto si ripaga completamente grazie al risparmio sulla corrette elettrica.

I climatizzatori moderni che raggiungono la massima efficienza sono dotati anche di tecnologia inverter, di cui parliamo al punto 4, che oltre ad aumentare il risparmio migliorano anche la sensazione di benessere. Questa tecnologia, definita anche "modulante", permette al climatizzatore di consumare molta meno energia rispetto ai tradizionali climatizzatori on/off perché, una volta raggiunte le condizioni ottimali, la macchina entra in una modalità “risparmio energetico” e lavora solo per mantenere le condizioni impostate, evitando le continue accensioni e spegnimenti tipiche della tecnologia più classica.


In questo articolo puoi trovare ulteriori approfondimenti. 

Vitoclima-&-Design-1.jpg

Nell'etichetta energetica sono evidenziati anche ulteriori due parametri fondamentali:

  • SEER o Indice di prestazione in freddo
  • SCOP o Indice di prestazione in caldo (se modello in pompa di calore)


Nei migliori condizionatori questi due valori sono elevati per indicare una macchina efficiente e dall'alto rendimento. Prendendo, ad esempio, il modello Vitoclima 232-S di Viessmann, abbiamo valori di SEER fino a 8.5 e SCOP fino a 5.4. Questo significa installare in casa un climatizzatore dall'elevata classe energetica ( A+++/A+++) che garantisce elevati risparmi durante l‘esercizio.


 
Come funziona un condizionatore a pompa di calore?

Come abbiamo visto, la funzione principale del climatizzatore è quella di assicurarti il massimo benessere e comfort in casa durante la stagione estiva, intervenendo su fattori quali: temperatura, umidità, movimento e qualità dell'aria.

Se il climatizzatore è in pompa di calore, oltre a raffrescare un ambiente, è anche in grado di riscaldarlo invertendo il ciclo di funzionamento. Se scegli un climatizzatore in pompa di calore di ultima generazione, quindi, fai una scelta veramente efficiente.


I climatizzatori più moderni e tecnologicamente più evoluti dispongono di molteplici funzioni:

 

raffrescamento2.png
Funzione Raffrescamento: produzione di aria fresca per abbassare la temperatura degli ambienti e assicurare il massimo comfort domestico durante i mesi più caldi;
riscaldamento2.png
Funzione Riscaldamento: possibilità di invertire il funzionamento (nei modelli a pompa di calore) e generare aria calda per climatizzare un locale o un'intera abitazione;
deumidificazione2.png

Funzione Deumidificazione: diminuzione dell'umidità relativa. E' possibile utilizzare il climatizzatore per deumidificare l'aria e assicurare un sempre più elevato comfort;

aria2.png
Funzione di filtrazione dell’aria: respirare aria sana e pulita è fondamentale, soprattutto per chi soffre di asma o allergie. Acquistando un climatizzatore in grado di purificare l’aria dai batteri assicuri a te e alla tua famiglia ambienti salubri e aria pulita.

Condizionatore inverter vs condizionatore on/off

tradizione-vs-nuovo_climatizzatore.jpg

 

Il climatizzatore è una macchina che viene acquistata per migliorare il benessere e il comfort abitativo. Questo deve essere raggiunto attraverso il minor consumo e spreco di energia, in modo da non pesare in modo grave sui tuoi costi in bolletta. Ed è proprio qui che si inserisce la tecnologia inverter.

Rispetto ai condizionatori tradizionali on/off, caratterizzati da una continua alternanza di periodi di attivazione e spegnimento, i moderni condizionatori inverter sono in grado di regolare e modulare la potenza in base alla temperatura impostata in ambiente, mantenendo un livello minimo di funzionamento.

 

 

Come funziona un condizionatore tradizionale?
Se scegli un condizionatori on/off hai un prodotto classico che, una volta acceso, funziona al massimo della potenza fino a quando non raggiunge la temperatura desiderata, per poi spegnersi e riaccendersi solo quando nel locale la temperatura sale di circa 1,5°C rispetto a quella impostata. Queste continue accensioni e spegnimenti comportano inevitabilmente consumi energetici maggiori.

 Come funziona un condizionatore inverter?

Nel caso di condizionatore inverter, invece, disponi di una tecnologia moderna e più efficiente. La macchina si accende e raffredda velocemente l'ambiente come desiderato. Una volta raggiunta la temperatura impostata il climatizzatore non si spegne, ma mantiene un funzionamento di base per mantenerla (max +/- 0,5°C).

 Scegliere un condizionatore inverter significa:

  • Percepire maggior comfort, perché la temperatura in ambiente si mantiene sempre ai valori desiderati
  • Evitare sprechi di energia e risparmiare fino al 30% sui consumi in modo intelligente
  • Maggiore silenziosità di funzionamento

In questo articolo, Marcello Caceffo, esperto delle tecnologie di raffrescamento in Viessmann,  descrive questa tecnologia in dettaglio e ne spiega tutti i vantaggi.

Tipologie di climatizzatori

 

vitoclima300s_ambient_viessmann.jpg

Per orientarsi nella scelta del climatizzatore di casa e trovare quello più adatto alle tue esigenze devi sapere che in commercio puoi trovare diversi modelli:

  • Climatizzatori portatili, che non richiedono la realizzazione di un impianto;
  • Climatizzatori fissi monoblocco, costituiti da un unico elemento;
  • Climatizzatori fissi split, dove abbiamo una o più unità interne collegate a uno o più elementi esterni.

Questi ultimi sono i più diffusi e installati, anche perché offrono il vantaggio di una maggiore silenziosità e praticità.

In base al numero di unità interne ed esterne sono distinti in:

  1. Climatizzatori monosplit
  2. Climatizzatori multisplit

Per quanto riguarda i climatizzatori multisplit, le unità interne sono da due a quattro e anche di tipologia differente:

  • A parete
  • A cassetta
  • Canalizzata
  • A soffitto e pavimento
Ognuna presenta vantaggi e caratteristiche specifiche che puoi trovare in questo approfondimento (unità interna condizionatore: tipologie e differenze). Il vantaggio è che, nella scelta del tuo nuovo impianto di casa, puoi anche prevederne più d'una di diverso tipo anche contemporaneamente.

tipologie-vitoclima-300s_viessmann.jpg

Viessmann in questa categoria offre Vitoclima 300-S, il climatizzatore multisplit "free-match", perché in grado di abbinare a una sola unità esterna fino a quattro diverse unità interne. Rappresenta quindi la soluzione più flessibile per la climatizzazione degli ambienti di casa.

Le caratteristiche dei migliori climatizzatori

 

  • vitoclima300-S_viessmann3.jpg
  • vitoclima300-S_viessmann3.jpg

Quando acquisti un climatizzatore vuoi un prodotto che ti assicuri il giusto mix tra temperature piacevoli, ottimale grado di umidità ed elevata qualità dell’aria. Tutte queste funzioni sono in grado di essere soddisfatte da parte della maggior parte dei climatizzatori moderni al fine di assicurare il massimo comfort domestico.

 

Ma è sufficiente?

Sicuramente no! E' per questo che entrano in scena tutta una serie di caratteristiche chiave che vanno a identificare quelli che sono i migliori climatizzatori che puoi acquistare per fare una scelta all'insegna dell'efficienza e del design.

La gamma di climatizzatori Viessmann è sinonimo di tecnologia e innovazione, tali da garantire prestazioni elevate, massima affidabilità e lunga durata.

 

 


Tra le migliori caratteristiche puoi trovare:

  • Classe di efficienza energetica elevata (almeno A++ o A+++) per consumi ridotti (Vitoclima 232-S di Viessmann ha elevati valori di SEER e SCOP tali da determinare una classe energetica di prodotto A+++/A+++)
  • Alte prestazioni
  • Tecnologia inverter
  • Affidabilità, perché la vita utile di un condizionatore, al pari della sua efficienza, è una discriminante fondamentale nella scelta.
  • Elevata silenziosità e comfort acustico (es. Vitoclima 232-S di Viessmann ha una rumorosità prossima a quella del fruscio delle foglie)
  • Ridotto impatto ambientale, grazie all'utilizzo di gas refrigeranti più sicuri ed ecologici come l'R32 
  • Multifunzione (raffrescamento, riscaldamento e deumidificazione)
  • Sistema di filtraggio dell’aria per purificare e mantenere salubri le zone servite
  • Praticità di gestione e facile utilizzo
  • Design elegante e raffinato (es. Vitoclima 232-S si Viessmann dispone di un'unità interna a parete adatta a tutti gli stili e gli arredamenti)
  • Gestione a distanza tramite modulo Wi-Fi e App per smartphone così da monitorare e cambiare le impostazioni dovunque ti trovi

consulenza_viessmann

Qual è il miglior climatizzatore per me?

Per trovare la soluzione ideale è fondamentale rivolgersi a un tecnico professionista che, tramite un sopralluogo e un'attenta valutazione degli elementi che giocano un ruolo determinante nella scelta, può suggerirti il climatizzatore adatto.

Puoi contattarlo direttamente qui per avere la certezza di un servizio e un'installazione di qualità: richiedi il contatto con un esperto! 

Agevolazioni fiscali e Conto Termico

 

Se devi acquistare un nuovo climatizzatore devi sapere che hai a disposizione diverse forme di agevolazione per ridurre il costo del tuo investimento:

  • Detrazione fiscale 65%. Se acquisti un climatizzatore in pompa di calore ad alta efficienza per la tua casa, il tuo negozio o ufficio in sostituzione di un prodotto esistente puoi beneficiare dell'Ecobonus 2018 per le riqualificazioni energetiche. In questo caso il limite di spesa detraibile è di 30.000 euro.
  • Detrazione fiscale 50%. Nel caso tu stia ristrutturando casa puoi ottenere una detrazione del 50% per la realizzazione del nuovo impianto di climatizzazione a patto che la scelta avvenga sempre a favore di un climatizzatore in pompa di calore. Il limite di spesa detraibile è di 96.000 euro.

  • Bonus mobili. Puoi utilizzare questo strumento in caso di installazione di un condizionatore in classe A+ o superiore, in concomitanza con lavori di ristrutturazione edilizia, per ottenere la detrazione del 50% dell’investimento, fino a un massimo di 10.000 euro
  • Conto Termico. Installando un climatizzatore (sempre in pompa di calore) in sostituzione dell’impianto di riscaldamento preesistente è possibile vedersi rimborsato parte di quanto speso direttamente sul conto corrente attraverso lo strumento del Conto Termico.

 


Qui un approfondimento valido anche per il 2018.
 Alessandro Trevisan, Formatore per l’Accademia Viessmann, parla di Detrazioni Condizionatori per Abbattere i Costi. Leggi l'articolo  >

I modelli Vitoclima di Viessmann rispondono ai requisiti richiesti e permettono di accedere a tutte le agevolazioni messe a disposizione dello stato per rendere l'installazione del tuo condizionatore ancora più conveniente.

Ipotizza che per l’acquisto e l’installazione del tuo nuovo impianto di climatizzazione, un multisplit con due unità interne, tu abbia ricevuto una fattura al netto dell'IVA di 2.500 euro.

Attraverso le detrazioni e gli incentivi fiscali disponibili per quest'anno i possibili risparmi che riusciresti a ottenere sono:

  • 1.625 € in 10 anni (grazie alla detrazione fiscale 65%)
  • 1.250 € in 10 anni (grazie alla detrazione fiscale 50%)
  • 664 € in 1 anno (grazie al Conto Termico)

RICORDA: Questi strumenti non sono cumulabili tra loro.


 Se stai valutando l'acquisto di un condizionatore in pompa di calore qui sotto puoi trovare uno strumento per conoscere e sfruttare tutti i meccanismi di incentivazione previsti dal Governo. Scarica Guida gratuita con tutte le informazioni necessarie.

Scarica la guida alle detrazioni fiscali e conto termico 2019 di Viessmann

METTITI IN CONTATTO CON I NOSTRI ESPERTI
Hai già tutte le informazioni necessarie e vuoi ricevere una consulenza o un preventivo di spesa per il migliore climatizzatore per la tua casa?
Contatta l'installatore Partner per l'Efficienza Energetica Viessmann più vicino a te!

Check Up Energetico Gratuito

Domande frequenti

  • Posso sfruttare l’energia elettrica prodotta dal mio impianto fotovoltaico per alimentare un climatizzatore?
    Certamente. L’autoconsumo di energia elettrica prodotta da fonte rinnovabile è una delle soluzioni migliori per risparmiare sui costi dell’energia. Collegando il climatizzatore all’impianto fotovoltaico puoi avere aria condizionata (o calore, se scegli una soluzione in pompa di calore) senza prelevare energia dalla rete, beneficiando sempre di una temperatura confortevole e di bollette ridotte.

  • Come funziona il raffrescamento a pavimento?
    Il raffrescamento a pavimento è una valida alternativa sia in ambito residenziale che per uffici e negozi. I pannelli radianti posizionati sotto il pavimento, sul soffitto o sulle pareti assorbono il calore presente nelle stanze per irraggiamento, assicurandoti una sensazione di benessere costante. Leggi questo articolo per scoprire pro e contro del raffrescamento a pavimento.

  • È vero che il gas refrigerante R410a utilizzato in molti condizionatori non è sicuro?
    Il gas R410a è un HFC – Idrofluorocarburo composto per il 50% da gas R32 e per il 50% da gas R125. Da alcuni anni ha sostituito l’R22, considerato uno dei principali responsabili del buco dell’ozono, ed è attualmente il fluido refrigerante più utilizzato negli impianti di climatizzazione. Nonostante non sia dannoso per l’ozono, ha un elevato indice GWP. Ciò significa che ha un impatto molto forte sul riscaldamento globale, per questo in futuro è destinato ad essere abbandonato in favore del R32. Dal 2025 nelle nuove installazioni non potrà essere impiegato R410a, ma si dovrà dare la precedenza ad altri gas con maggiore efficienza e bassa infiammabilità.

  • Posso usufruire dell’IVA agevolata al 10% anche per l’installazione di un climatizzatore?
    Sì, perché il climatizzatore è considerato a tutti gli effetti un “bene significativo”, quindi per il suo acquisto puoi beneficiare dell’IVA al 10% invece che al 22%. L’aliquota agevolata non viene applicata indistintamente sul prezzo di acquisto, ma solo sui lavori di manodopera e sulla differenza tra costo totale dell’investimento e costo del climatizzatore. Sul valore residuo si applica normalmente l’IVA al 22%.

I nostri articoli